Scintilla di luce della Parola

16/12/19
✝ VANGELO MATTEO 21,23-27

In quel tempo, Gesù entrò nel tempio e, mentre insegnava, gli si avvicinarono i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo e dissero: «Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?».

Gesù rispose loro: «Anch’io vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, anch’io vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?».

Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, ci risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Se diciamo: “Dagli uomini”, abbiamo paura della folla, perché tutti considerano Giovanni un profeta».

Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo». Allora anch’egli disse loro: «Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose».

SCINTILLA DI LUCE🕯
16/12/19 Matteo 21, 23- 27

“Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?”.

🔥I capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo non capivano “con quale autorità” Gesù parlava ed operava; ma come mai non capivano? Quando si è pieni di sé stessi, non c’è spazio per Dio dentro di noi, e non si capisce neanche di “non capire”. Gesù può spiegarcelo; possiamo pure assistere ai miracoli, possiamo anche essere stati guariti…ma se il nostro cuore è pieno del nostro “IO”, totalmente pieno, non si comprende il “DONO di Dio”. Gesù in Giovanni 4,10 diceva alla Samaritana: “Se conoscessi il dono di Dio”…e se lo chiedesse a noi? Cosa accadrebbe? Noi molleremmo tutto e gli chiederemmo ancora il “dono di Dio” invece di chiedere scioccamente chi Gli ha dato tale autorità! Il cuore chiuso alla VERITÀ è un “muro di cemento armato” che respinge ogni luce, al di là di esso infatti c’è solo buio! Il nostro cuore e la mente a volte è peggio del cemento armato a causa delle vanità mondane! Anche per noi cristiani, a volte è valida questa dura affermazione!

Leggi di più:  "Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch'essi con me dove sono io"

Ci perdiamo in “dieci novene al mese”… Rosari e partecipazioni a catechesi in un gruppo… e poi in un altro… ma se non invochiamo al mattino lo Spirito Santo e se non ci confessiamo, il nostro cuore è saturo di noi stessi, crediamo di capire tutto ma di Gesù e della Sua MISSIONE di Salvezza, non capiamo niente! Prova ne è che non pochi cristiani al primo lutto, alla prima grande prova, mollano e si disperano! Quando accade ciò? Quando la preghiera è nella vita quotidiana, una tra le tante cose da fare, ma se c’è qualcosa di nuovo e manca il tempo, passa in graduatoria tra le ultime cose da fare e a volte esce dalla graduatoria e non si prega! Se c’è tempo si prega… altrimenti, si rimanda. Questo vi sembra il giusto pensiero Cristiano? Se si chiedesse al Signore, ogni giorno, sin dal sorgere del sole: “Signore facci entrare nella verità totale”… E se si invocasse lo Spirito di Sapienza e di Intelletto, di Scienza ….i sette doni insomma, capiremmo piano piano chi è Gesù. La Sua autorità, in ogni Parola che “leggiamo e ASCOLTIAMO,” si rivela da sola!…Ma noi, ogni giorno, dialoghiamo con Gesù attraverso la PAROLA? Invochiamo lo Spirito Santo?

Preghiamo la Santissima Trinità che ci parla e poi attraverso la Parola, ci risponde! Se lo facessimo, capiremmo subito l’Autorità di Dio e di Gesù in ogni Parola che leggiamo, che ancora oggi è Via, Verità e Vita! Quando banalizziamo la Parola e la preghiera, noi siamo come gli increduli anziani e Sacerdoti del passato. Svuotiamoci del nostro “IO” e facciamo spazio a Dio per non dubitare anche noi!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteSantuario Maria Santissima Gulfi
Articolo successivoSant’Andrea : “Seguitemi, vi farò pescatori di uomini”
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.