Scintilla di luce della Parola

 18/12/19
✝ VANGELO MATTEO 1,18-24

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele»,
che significa «Dio con noi».

Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
18/12/19 Matteo 1, 18- 24

“Ecco, la Vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa “Dio con noi”.

🔥Viviamo il tempo dell’Avvento, ma cosa vuol dire? La parola Avvento viene dal latino e vuol dire “venire verso di noi”. Dio, creatore di tutto, dopo il diluvio universale, “ancora viene verso di noi”, è Colui che con Gesù, fa irruzione nella Nuova storia, perché non si rassegna nel vedere perdere i Suoi Figli! Gesù, il figlio di Dio, si è fatto uomo, uno di noi, perché noi potessimo diventare uno di loro: uno della FAMIGLIA TRINITARIA. Ma per noi cos’è l’Avvento oggi? È l’ascolto di Dio che è già venuto. È il vivere l’obbedienza a Dio sull’esempio della Santa Famiglia di Nazareth. L’Avvento è il tempo di preparazione e di “maturazione spirituale” per comprendere che dal Battesimo, la Trinità è già in noi. Siamo spesso IMMATURI e ignoriamo questa Divina presenza! Nel tempo di Avvento, attraverso una preghiera più approfondita, più attenta, si cerca di raggiungere una maturità spirituale che ci porta a comprendere che Gesù è storicamente venuto nella nostra esistenza, nella nostra vita quotidiana. Come ce ne accorgiamo? Basta guardarci dentro: amiamo sinceramente? Odiamo ancora qualcuno? La nostra vita è cambiata da quando preghiamo? Siamo riusciti a mettere da parte l’orgoglio e ci siamo comportati più volte come Gesù?

La “pienezza dell’Avvento” si vede se lasciamo alla Trinità piena libertà di trasformarci in Loro! Se abbiamo ancora resistenze… se la nostra volontà è ancora più importante della volontà di Dio, dobbiamo ancora maturare, “crescere spiritualmente”. La Vergine ha partorito l’Emmanuel, il “Dio con noi”, Gesù è nato …ma nel nostro cuore, chi c’è? “Il DIO con noi” o “il mio IO con noi?” Tutte le catastrofi naturali o della vita dell’uomo, ci portano alla tentazione di pensare che Dio non c’è, invece Dio è con noi, l’Emmanuel c’è, solo che l’uomo di oggi preferisce vivere nelle tenebre non nella luce..e non è colpa di Dio! Se entriamo in una casa ed è al buio perché ci dimentichiamo di accendere la luce…, di chi è la colpa se quella casa è al buio? Della casa o mia?

Se il mondo soffre è perché si prega poco, male o niente! La preghiera è comunione con l’Emmanuel che “ci accende” e ci rende “scintilla di luce”… più lo siamo e più il mondo vive nella luce. Non lamentiamoci più se le tenebre crescono, facciamo crescere piuttosto la luce, riflettendola…. adesso più che mai… in questo tempo di Avvento!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteFamiglia, Tempio di Dio
Articolo successivoIl cuore in Una goccia Onlus: una realtà che usa gli occhi del corpo per educare gli occhi del cuore
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.