Scintilla di luce della Parola

Foto di Free-Photos da Pixabay

 21/12/19
✝DAL LIBRO DEL PROFETA SOFONIA

Gioisci, figlia di Sion,
esulta, Israele,
e rallegrati con tutto il cuore,
figlia di Gerusalemme!
Il Signore ha revocato la tua condanna,
ha disperso il tuo nemico.
Re d’Israele è il Signore in mezzo a te,
tu non vedrai più la sventura.
In quel giorno si dirà a Gerusalemme:
«Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia! Il Signore tuo Dio in mezzo a te
è un salvatore potente.
Esulterà di gioia per te,
ti rinnoverà con il suo amore,
si rallegrerà per te con grida di gioia.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
21/12/19 Dal libro del profeta Sofonia 3, 14- 17

“Rallegrati, figlia di Sion, grida di gioia Israele, esulta…il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico”.

🔥È tempo di gioia fratelli, esultiamo, rallegriamoci perché il Signore è venuto, è nato l’Emmanuele e rinnoverà la nostra vita! Facciamo scendere questa Parola nel cuore, nella mente, nelle nostre membra oppresse, affaticate e stanche come una “flebo che ci guarisce”. Ogni Parola va a sanare le nostre piaghe di tristezza. Non temiamo più, il Signore ha “revocato la nostra condanna” e ci ha liberato dal maligno che ci porta ogni SVENTURA. Non lasciamoci “cadere le braccia”…dice la Parola! Il Signore è nato, non dobbiamo ancora attendere, è già tra noi come Salvatore Potente, che in ogni Eucaristia dona il Suo corpo e il Suo sangue. Ogni Parola è Spirito e Vita che rinnova la nostra “vita fiacca, malinconica” per tutto ciò che ci circonda! Basta fratelli, “è tempo di gioire” perché adesso è chiara la via per RINNOVARE, in noi e intorno a noi, cosa non va. La via è la Comunione con Gesù, l’Emmanuele di cui facciamo ogni anno memoria della Sua nascita nel tempo di Natale. Ma fermiamoci un po’, cerchiamo di VIVERLA in pieno la festa del Natale.

Come si fa? Non si gioisce solo tra le tante luci degli addobbi nei negozi o per le strade. Non si gioisce solo per lo scambio di regali. Non si gioisce solo per i momenti di comunione a tavola in famiglia o tra amici… è Natale Vero se Gesù è vivo in noi e Lui vuole essere vivo in noi se noi lo “facciamo nascere”! Ma come nasce Gesù concretamente in noi? Nasce quando AMIAMO, perché Gesù è l’Emmanuele “il Dio con noi” e poiché Dio è AMORE… è Natale quando prendiamo il cellulare e chiamiamo chi ci fa antipatia perché stiamo AMANDO e ciò è segno che Gesù è nato in noi! È Natale quando buttiamo giù le maschere e CHIEDIAMO PERDONO a chi abbiamo offeso…e PERDONIAMO chi ci ha offeso, perché agiamo con Amore. È Natale quando PREGHIAMO per chi soffre, per chi ha bisogno di preghiere, perché la nostra mente e la nostra volontà è “impregnata di amore”, vincendo l’egoismo che ci porta a pensare solo a noi. È Natale quando concretamente aiutiamo il profugo, il povero, chi ha bisogno con gesti concreti di solidarietà e fratellanza, perché ci fanno sentire la gioia dell’Amore, l’allontanamento dal male in noi e la Grazia di Dio che si serve di noi per assistere i Suoi figli!

Quando la sete d’infinito del nostro Spirito viene colmata dal Signore che nasce in noi ed opera dentro di noi, sentiamo la Vera Gioia e la manifestiamo. Quando Gesù nasce in noi infatti non c’è più spazio per l’egoismo, per la prepotenza, per la superbia, per la mormorazione e la diffidenza…se vinciamo tutto ciò, gioiamo ed esultiamo, stiamo vivendo in pieno la festa del Natale che non è un giorno. Ogni confessione per me è infatti Natale, perché muoio al mio “io” e rinasco a Vita Nuova!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteEntrare nella Divina Volontà con l’atto di fusione
Articolo successivoSacra Culla: torna a Betlemme un frammento della reliquia
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.