Scintilla di luce della Parola

01/09/19
✝ VANGELO LUCA 14,1.7-14

Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.

Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
01/09/19 Luca 14, 1.7 -14

“Perché chiunque si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”…. “…riceverai infatti la tua ricompensa alla Risurrezione dei giusti”.

🔥Dopo aver vinto tante battaglie spirituali, non è improbabile la tentazione di esaltarsi. Dopo che, nelle svariate e grandi prove, con la forza di Dio, con il coraggio di Dio, con la fede in Dio..- a Lui ogni onore e gloria – più volte il maligno è stato messo a KO…a lui non resta altro che tentare l’anima, radicata nella Trinità e nel cuore di Maria SS, attaccandola nell’ UMILTÀ. Perché? Perché il nemico ben sa che nel momento in cui noi cristiani ci prendiamo, anche per un solo secondo, il merito delle tante vittorie spirituali PERDIAMO TUTTO come ben ci insegna la Parola oggi: “Chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”. Non scoraggiamoci tuttavia, fratelli in Cristo, chi vi parla è una sorella che più volte ha subito questa tentazione, più volte è caduta dal piedistallo e si è fatta tanto male, ma altrettante volte, TESTIMONIO che mi sono rialzata con la FORZA del Padre “RINGRAZIANDO” e benedicendo il Signore per queste cadute che hanno “RAFFORZATO la mia fede” e prodotto il “doppio” dei frutti spirituali.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Le cadute fanno parte del percorso verso la “Gerusalemme Celeste,” come le cadute di Gesù nel percorso sulla via del Calvario! Guardiamo il nostro Maestro: è caduto, si è rialzato portando la Sua croce…la nostra Croce, è giunto al Calvario, è morto ed è RISORTO! Così è e sarà per noi Cristiani! La vita ci riserva tante cadute spirituali. Quando cadiamo nell’ ORGOGLIO, nella superbia, quando ci “gloriamo per le nostre capacità”, quando siamo nel “pieno” della prova…BENEDICIAMO il Signore di più, benediciamo e NON malediciamo, NON bestemmiamo ma LODIAMO il Signore con tutte le nostre forze per ALLONTANARE ogni MALE…Il Signore si servirà di queste cadute per RAFFORZARE la nostra FEDE. “Benediciamo Dio, LODIAMO il Signore, il maligno FUGGE nella lode a Dio!!

È così che ci si rialza e si ritorna nel cammino spirituale verso la “Gerusalemme eterna” per avere la “ricompensa della Risurrezione dei giusti.” La vanagloria si vince con l’umiltà e si è umili se si prega, se si combatte, se si è in COMUNIONE con Gesù….il nostro Maestro, il nostro esempio di umiltà!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteSantuario Maria SS Addolorata – Marsala
Articolo successivoUn’infermiera si pente di aver effettuato aborti. Nulla è impossibile a Dio!
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.