Scintilla di luce della Parola

 02/09/19
✝ VANGELO LUCA 4,16-30

In quel tempo, Gesù venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
a proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
2/09/19 Luca 4,16 -30

“Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”.

🔥La Parola è Spirito e vita ed è eterna, è sempre attuale! Quindi per qualcuno che sta leggendo per la prima volta, oggi…in questo momento si può compiere questa Scrittura “nella propria vita”! Peccato che non tutti hanno creduto subito a Gesù. Lui, profeta, non è stato accolto da tutti ma quanti hanno creduto e crediamo in Lui, sperimentiamo questa Sua salvezza. Cosa ci dice questa Parola? Ci dice che Gesù è il nostro liberatore dalla schiavitù del peccato, Colui che “ridà la vista ai ciechi, libera gli oppressi e proclama l’anno di grazia del Signore”. Alla Sinagoga, Gesù presenta il Suo programma: “lo Spirito Santo l’ha mandato a portare ai fratelli di allora e a ciascuno di noi oggi, il lieto Annuncio che Lui è il REDENTORE universale!” Lasciamoci liberare fratelli, lasciamoci guarire, consolare e guidare da Gesù in questo momento!

Come? Tutto è opera dello Spirito Santo, ce lo dice Gesù stesso! Lo Spirito del Signore è in Lui, l’ha mandato…ed è lo stesso Spirito che ci toccherà il cuore e convertendo, INVIERÀ, attraverso il Battesimo, ciascuno di noi e ci renderà idonei a “sciogliere le catene dei prigionieri”. Quanti colleghi, amici o parenti vivono accanto a noi, prigionieri del proprio IO e dei propri vizi! Il Signore si serve anche di noi per ridare la VISTA a chi è accecato dalla falsa luce mondana. Il Signore si può servire anche di noi se, attraverso la nostra testimonianza, riusciamo a far comprendere la potenza, l’onnipotenza di Dio che si è manifestata cambiando la nostra vita! Freghiamocene se non siamo accettati, la Parola ci dice che “nessun profeta è ben accetto nella sua patria”. Sei pronto a collaborare?

Sei pronto ad iniziare anche tu, come me, il programma di salvezza che lo Spirito Santo “vuole e può” portare avanti nel mondo? Solo se saremo UNITI a Gesù, alla Trinità… solo se saremo UNITI a Maria Santissima, invocando lo Spirito Santo, il “mondo vedrà questa liberazione, consolazione e guarigione” che è già in atto perché la Scrittura si è compiuta, il Redentore Gesù, è venuto ed è ancora tra noi nell’Eucaristia. Crediamo alla Parola, crediamoci!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteAngelus: “Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato”
Articolo successivoServa di Dio Santina Campana: desiderare la santità
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.