Scintilla di Luce della Parola

 12/09/19
✝ VANGELO LUCA 6,27-38

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«A voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.

E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.

Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.

Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
12/09/19 Luca 6, 27-38

“Amate invece i vostri nemici”.

🔥La “non violenza” come risposta alla violenza, è la pienezza dell’Amore!! Certo ammetto che è umanamente impossibile reagire d’istinto alla violenza porgendo l’altra guancia, ma “Nulla è impossibile a Dio” e Lui…Lui solo, lo Spirito Santo soltanto ci può far comprendere e mettere in pratica questa Parola! Amare i nostri nemici è nella natura dell’uomo perché siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio. Entrando la tentazione del peccato nel cuore dell’uomo, nascono sentimenti di invidia, di odio, di delitti premeditati, di ira, vendetta e impazienza…ma noi siamo stati riscattati a caro prezzo, PURIFICATI dal SANGUE di Cristo in Croce!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Sin dal Battesimo la Luce della Trinità è la nostra forza che ci fa AMARE i nostri nemici, PERDONARE e BENEDIRE chi ci calunnia o ci ferisce. È lo Spirito Santo che ci porta ad amare perché ci porta Cristo e Cristo ci salva, ci fortifica, ci guida alla pienezza dell’Amore del Padre. Dio è amore e se attraverso Gesù, VIVIAMO in Dio, RIUSCIREMO a “rivestirci di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine sopportandoci a vicenza e perdonandoci gli uni gli altri” (COL 3, 12-17). Non c’è altra via per perdonare il collega, l’amico importuno e chi uccide tuo figlio… Non c’è altra via per perdonare chi ti ruba la proprietà oppure chi ti offende in pubblico ingiustamente. Da soli non ce la facciamo!

L’odio ci fa soffrire. Odiare chi ci fa del male non è la giusta punizione, perché facciamo del male solo a noi stessi! Se dopo aver provato a riconciliarci con il nemico – fa bene ad entrambi – non si ottiene nulla, cerchiamo almeno “con la preghiera” di non ODIARE il nostro nemico ma, con la grazia di Dio, la perseveranza ai Sacramenti, cerchiamo di AMARE i nostri nemici. Se lo desideriamo, già basta a DIO per concederci la grazia di farci amare i nemici, perché il desiderio di amare è già AMORE VERO! Presentiamoci al Signore come siamo e chiediamo anche solo il desiderio di Amare i nostri nemici, vedrete come ci sorprenderà lo Spirito santo!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLa Madonna dei miracoli di Mussomeli
Articolo successivoSant’Alessio : seguire il Tutto
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.