Scintilla di luce della Parola

14/09/19
✝ VANGELO GIOVANNI 3,13-17

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo:

«Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.

Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
14/09/19 Giovanni 3, 13-17

“Dio infatti, non ha mandato il figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui”.

🔥Dio, nel suo Amore infinito per il Suo popolo, permette il sacrificio del Figlio UNIGENITO perché gli uomini abbiano la pienezza della vita. Come il serpente nel deserto, Gesù sarà innalzato in CROCE. Da questa ESALTAZIONE in Croce di Gesù, giunge la salvezza a tutti coloro che crederanno in Lui! L’uomo che volutamente rifiuta Gesù, rifiuta la vita eterna perché in Gesù c’è la vita eterna e quindi si “autoesclude”. Non lo vuole Gesù ma lo vuole chi deliberatamente rifiuta la Verità e si allontana dal Signore che è via, Verità e vita! Gesù “non è venuto a condannare ma a salvare il mondo”.

Non è venuto a renderci la vita complicata con la preghiera, ma è venuto a liberarci dalla “schiavitù del peccato”! Il peccato che Gesù “lava con il Suo sangue in Croce” ci rende schiavi, prigionieri, infelici e spesso anche malati! Gesù è venuto non a giudicarci ma a liberarci dal veleno, a volte mortale, del peccato…da ogni peccato, grave o veniale. Qualsiasi peccato in noi infatti ci “disturba”, ci tormenta anche inconsciamente. Conosco una persona a me molto cara che ha un problema fisico. È andata da tanti medici, ha eseguito tanti esami diagnostici e cure mediche. È arrivata anche ad andare da due Sacerdoti esorcisti, ma ancora oggi lei soffre. Tempo fa ho sentito nel cuore di dirle che la causa della sua sofferenza è l’odio che lei prova verso suo fratello. Il ricordo del male ricevuto la rende infatti schiava e anche se lei prega per altre intenzioni, compresa la sua guarigione, “se non rinuncia all’odio e se non consegna a Gesù Crocifisso il suo cuore e il suo odio”… se non invoca il Sangue di Gesù sul suo peccato e se non è aperta al perdono e alla riconciliazione, questa schiavitù la DOMINA, la tiene ancora malata. Gesù ha dato la Sua vita per noi.

Leggi di più:  "Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?"

Dalla Croce ci ha amati e quest’Amore è il farmaco che guarisce ogni Malattia! Spesso purtroppo però si sottovaluta la pericolosità del Peccato che non si dà a Gesù, ne’ in preghiera né sacramentalmente. Gesù ci salva. Attingiamo a questa FONTE! Crediamo in Gesù, ADORIAMO le piaghe di Gesù in croce, VIVIAMO la “Comunione Eucaristica e i Sacramenti”. Gesù vuol guarirci, è sempre disponibile, anche adesso! Ti senti malato? Se le cure mediche non sono efficaci, forse sei affetto da schiavitù del peccato!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteScintilla di luce della Parola
Articolo successivoPapa Francesco e la sfida di un’Africa libera
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.