Scintilla di luce della Parola

19/09/19
✝ VANGELO LUCA 7,36-50

In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.

Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».

Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».

E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

SCINTILLA DI LUCE🕯
19/09/19 Luca 7, 36-50

“Chi di loro dunque lo amerà di più? Simone rispose: “suppongo sia colui al quale ha condonato di più”.

🔥La peccatrice si era accorta, anche se da lontano, che Gesù non si fermava sul peccato ma “sulla persona” che aveva commesso il peccato. La peccatrice aveva intuito, anche senza averlo incontrato prima, che Lui l’avrebbe amata e quando ha avuto l’opportunità, non si è vergognata di esprimere ciò che aveva dentro e non ha badato ad altro. Si è chinata, baciando i piedi di Gesù, bagnandoli con le sue lacrime ed asciugandoli con i suoi capelli. Li ha cosparsi di olio profumato pregiato non badando a spese. Ha dimostrato di amarlo e l’ha amato come più non poteva dimostrare. Si è inginocchiata senza aprir bocca, ha solo pianto ed amato, perché?

Perché si è sentita ACCOLTA, PERDONATA ed AMATA VERAMENTE DA QUALCUNO! Gesù non le ha fatto grandi discorsi: l’ha guardata, l’ha amata per primo e si è lasciato amare perdonandole i suoi tanti peccati. Oggi, alla luce di questa Parola, voglio esprimere un pensiero per i Sacerdoti: “Amateci! Amate il popolo che Dio vi ha affidato sull’esempio di Gesù, perché è così che la grande famiglia della Chiesa CRESCE, è così che ogni “pecorella smarrita” ritorna! È l’amore che richiama all’ovile chi si è allontanato! Il vostro cuore di Sacerdoti sia il cuore di un Vero Pastore che cerca la pecorella smarrita e il modo più rapido e sicuro, per me, è quello di Amare il popolo di Dio indistintamente. Quando un giovane che si è allontanato seguendo le cattive amicizie, le critiche negative della pecorella dispersa…si sente invece accolto ed amato dal Sacerdote, RITORNA nella Chiesa e a Dio. Dopo la Cresima, quanti giovani si allontanano per moda, per consuetudine. Sacerdoti, Pastori a cui Dio ha affidato il Suo gregge, voglio chiedervi di NON puntare il dito sui peccatori ma “Amate” con l’amore di Gesù che guarda alla persona e non al peccato e vedrete che ogni peccatore ritornerà, perché sentirà il “condono” del Padre dei peccati… condono che voi da Ministri date. Sentirà l’accoglienza di Gesù e il Suo amore attraverso voi e ritornerà… ritornerà nella Chiesa e a Dio! Sacerdoti, davanti ad un peccatore in confessionile, abbiate lo stesso Cuore di Gesù che ama Veramente tutti, anche i peccatori. Usate poche parole per guidare e TANTO AMORE per RIACCOGLIERE!!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Non dimentichiamoci fratelli che “più grandi sono i peccati, più si avverte la Misericordia e il condono del Padre!…. Più grande è la Misericordia sperimentata e più crescerà la riconoscenza e l’amore verso Dio che perdona!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteSantuario Madonna di Montalto di Messina
Articolo successivoSanta Giovanna D’Arco :testimoniare la Volontà di Dio nonostante tutto
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.