Scintilla di luce della Parola

04/10/19
✝ VANGELO MATTEO 11,25-30

In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
4/10/19 Matteo 11, 25-30

“Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli”.

🔥I sapienti sono coloro che “sanno tutto” e “CREDONO” di non avere nulla da imparare, quindi non si mettono a fianco degli altri… “non li guardano neanche” spesso! Mettiamoci oggi, alla luce di questa Parola, la mano sul nostro cuore e interroghiamo la coscienza, anche noi ci sentiamo sapienti? I piccoli sanno che lontani dal Padre si rischia di sbagliare, sanno che ci si perde e si cade…e stanno sempre con Lui, ASCOLTANDOLO “umilmente”. L’umiltà rende “i piccoli GRANDI”, lo stesso Gesù ci dice oggi: “Imparate da me che sono mite e umile di cuore!”.

Gesù non si allontanava mai dal Padre, pregava ogni giorno, ascoltava la Volontà del Padre! Mettiamoci alla scuola di Gesù e dei Santi che SANNO VIVERE da PICCOLI. San Francesco di Assisi ad esempio, ha rifiutato il potere, la ricchezza, il prestigio umano che “illude” perché fa credere che basta per poter “fare ed avere tutto”. Io sono infermiera e credetemi, le più grandi catechesi di vita sono giunte al mio cuore, NON dai più grandi e rinomati teologi e sapienti, ma dai miei pazienti sul letto della sofferenza, dagli anziani nelle case di riposo dove faccio volontariato e dai più poveri della Parrocchia che frequento. Il loro sguardo, a volte, parla più delle parole! Il loro modo di SOPPORTARE con Dio, OFFRIRE a Dio… AFFRONTARE tutto con Dio…il loro modo di “essere Guerrieri” con la FEDE nella sofferenza, nel disagio, nella realtà che gli piomba addosso… è per me “MAESTRA di vita”; è per me “la voce di Dio” che mi parla e mi porta a lodarlo perché DIO ha rivelato la Vera FORZA, il Vero CORAGGIO ai piccoli e l’ha nascosto ai sapienti!

Se si impara ad essere Piccoli, ASCOLTANDO i piccoli, si riconosce la voce di Dio che parla…. PARLA a tutti coloro che vogliono ascoltarlo! Siamo o non siamo in ascolto? Oppure abbiamo la presunzione di saper tutto per cui “Crediamo” che non serva ASCOLTARE gli altri?
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteL’incontro tra San Francesco e il Sultano
Articolo successivoLaudato sii o mi signore
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.