Scintilla di luce della Parola

 11/10/19
✝ VANGELO LUCA 11,15-26

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.

Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.

Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.

Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».

SCINTILLA DI LUCE🕯
11/10/19 Luca 11, 15-26

“Chi non è con me, è contro di me e chi non raccoglie con me, disperde”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

🔥Dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio, alcuni uomini di quel tempo lo accusavano che scacciava i demoni in nome del capo dei demoni, cioè di Beelzebùl. Gesù fece diverse affermazioni per spiegare che non era così, e tra queste disse anche che “Chi non è con Lui, è contro di Lui” e “Chi non raccoglie con Gesù, disperde”. Cosa ci vuol dire Gesù? Io comprendo che “non possiamo servire due padroni, o siamo con Gesù o siamo con chi è contro Gesù, cioè con il maligno!”. Se non camminiamo con Gesù, camminiamo infatti con il suo avversario, il diavolo! O seguiamo, cioè abbracciamo e viviamo il pensiero di Gesù che ci porta al bene e alla felicità eterna, o viviamo nel “pensiero del diavolo”, che ci porta al male e all’infelicità eterna.

Se siamo con Gesù “raccogliamo”, ma cosa? Virtù, doni, carismi… serenità e pace nel cuore e nelle relazioni con i fratelli…raccogliamo gioia dal vincere e dal respingere ogni tentazione… raccogliamo benedizioni nel nostro lavoro e in ogni ambito della nostra vita sociale e relazionale. Cosa raccogliamo invece se siamo contro Gesù, e quindi con il demonio? Nulla, perché disperdiamo tutto ciò che ci appartiene, tutto ciò che è nostro in quanto “figli ed eredi” dell’infinito patrimonio del Padre! Dal Battesimo infatti siamo diventati “figli ed eredi di Dio”, apparteniamo a Dio e dobbiamo quindi vivere come il Padre: amando e perdonando! Non lasciamoci derubare la Grazia, il patrimonio che è l’infinito… non disperdiamo con il maligno, raccogliamo piuttosto con Gesù. Come si fa? Viviamo i Sacramenti e preghiamo, preghiamo tanto, perché solo così “chi non è con noi che siamo con Gesù, fugge”, perché la preghiera, il Sacramento, la Parola sono Luce e Satana che è buio si disintegra quando compare la Luce. Ogni volta che noi non raccogliamo, DISPERDIAMO le grazie, i benefici, le benedizioni e il bene che ci viene da Dio! A DIO non cambia niente, è a noi che cambia tutto!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLa vita di San Giustino de Jacobis
Articolo successivo4° Incontro Nazionale Fondazione il Cuore in una Goccia Onlus
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.