Scintilla di luce della Parola

 16/10/19
✝ VANGELO LUCA 11,42-46
 
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».

Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
16/10/19 Luca 11, 42- 46

“Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle”.

🔥Gesù continua ancora ad attaccare i farisei ipocriti, ma dopo aver detto loro “Guai a voi”, dopo averli chiamati “Sepolcri imbiancati”, gli indica quali sono le cose da fare per non essere ipocriti. Ma quali sono le cose da fare? Sono “vivere la giustizia e l’Amore di Dio” prima di tutto, poi certamente anche pagare le decime. Non è certo facile vivere l’amore di Dio e la giustizia in maniera “perfetta”. Solo lo Spirito Santo può farci riuscire in questa ARDUA impresa! Quante tentazioni viviamo minuto per minuto… al lavoro, in casa, in Chiesa… Come le combatto io?

Con il Santo Rosario, con la Messa, con l’Adorazione Eucaristica e con la preghiera della “Giornata del buon cristiano”. Tutto questo per me è la colonna vertebrale del Cristiano. Senza, cadiamo spesso nelle mani del nemico che ci porta a compiere il male che non vorremmo! Coraggio, occorre solo abituarsi, come ci siamo abituati a lavarci i denti, a mangiare, a dormire… Per tutte queste cose si trova il tempo nelle 24 ore, perché? Perché sono bisogni primari. Ma pregare, non è forse un bisogno primario? Per me sì, la preghiera per me è l’ossigeno alle mie cellule, e non solo per la mia vita spirituale! Quando si prega, si sta bene spiritualmente, psichicamente e fisicamente, senza la preghiera io non sarei capace di prendere decisioni, sarei sempre nervosa, non mi godrei l’essenziale che è Dio. Senza aver invocato i sette doni dello Spirito Santo, senza la mia consacrazione a Maria Santissima quotidiana, senza il Santo Rosario sarei come una “rosa strapazzata”: i petali si staccano soli, non emanano più odore e cadendo a terra, il vento li può sbattere dove e come vuole. Senza trascurare il lavoro, lo svago, gli hobby… queste sono le cose da fare: vivere la Giustizia e l’Amore Vero!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

E per riuscirci non illudiamoci di farcela senza la preghiera quotidiana alla Vergine, senza i Sacramenti e senza la Confessione periodica! La preghiera ci porta ad Amare e ad essere amabili… quindi ad essere amati. La preghiera e i Sacramenti ci portano ad essere Misericordiosi trovando così Misericordia. La preghiera ci porta a sopportare, ad essere sempre Giusti, a rispettare tutti e ad essere felici! Perché soffrire? Perché non provare? Basta educarsi alla preghiera, basta abituarsi. Se non preghi, quando inizi ad abituarti? Gesù ha già dato sé stesso per la nostra salvezza, siamo noi che di questa salvezza non ne godiamo in pieno!!!!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteapsCRISTIANITODAY.it – Centoundicesimo Numero
Articolo successivoNadir Malizia “Vita su quattro ruote”
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.