Scintilla di luce della Parola

 18/10/19
✝VANGELO LUCA 10,1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.

In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
18/10/19 Luca 10, 1-9

“Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: È vicino a voi il Regno di Dio”.

🔥La realtà che deve essere
MANIFESTATA ed evidenziata è questa: “È vicino il Regno di Dio”! Ovunque siamo, nel nostro posto di lavoro, in famiglia, in vacanza o nel luogo in cui viviamo, siamo invitati oggi, attraverso questa Parola, a dire: “È vicino a voi il Regno di Dio!” Ma come si fa a manifestare il Regno di Dio? Per farlo, prima cerchiamo di comprendere che quando parliamo di Regno di Dio, parliamo di un Regno di Amore, di un Regno di Pace, di un Regno di Giustizia, di lealtà, rispetto della dignità della persona e delle regole di convivenza sociale. Questo Regno noi non lo dobbiamo costruire con fatica, perché con la venuta di Gesù è già tra noi, è in Gesù, noi dobbiamo solo farlo crescere.

È già vicino a noi, è già DENTRO di noi, nel nostro cuore, perché è Dio stesso venuto tra noi! Dobbiamo MANIFESTARLO con lo sguardo, con le parole, con le azioni… Siamo chiamati, ovunque andiamo, a “mangiare ciò che ci sarà offerto e a consolare, guarire e liberare”, dice la Parola, presentando e manifestando Gesù che è portatore di un Regno Nuovo, quello della gioia senza fine. Non ci sarà più… in Gesù… con Gesù.. non ci sarà più vendetta, sofferenza, morte, ingiustizia e violenza né cattiveria, invidia e altri peccati. Gesù guarisce ogni malato, libera e consola… evidenziamo questo Regno e manifestiamo questa salvezza attraverso Gesù, testimoniamola! Ma… siamo sicuri che abbiamo ben capito che questo Regno di Dio, in Gesù è già qui con noi? Gesù vuol manifestarsi anche “attraverso di me e di te”, curiamo bene prima la nostra relazione con Gesù e poi manifestiamola, siamo noi Cristiani che portiamo il Regno di Dio!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteIl concorso che premia i detenuti che vogliono cambiare vita
Articolo successivoSuor Angela: da artigiana a suora
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.