Scintilla di luce della Parola

19/10/19
✝ VANGELO LUCA 12,8-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.

Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.

Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

SCINTILLA DI LUCE🕯
19/10/19 Luca 12, 8- 12

“Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorita’…non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire”.

🔥Essere davanti ad un giudice o ad un’autorità è imbarazzante. Essere davanti a chi ci giudica o ci calunnia è altrettanto brutto perché non siamo ancora Santi e discernere il giusto e santo comportamento o le giuste parole da usare, non è facile perché possiamo non riuscire a ben comprendere la volontà di Dio. Ma la Parola oggi ci viene in aiuto: ci dice che dobbiamo fidarci dello Spirito Santo che ci “insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire”. Ma noi invochiamo lo Spirito Santo?

Ci affidiamo e ci fidiamo dello Spirito Santo? Invochiamo ogni giorno i sette doni e lasciamo fare a Lui. Io testimonio, perché l’ho vissuto più volte, l’intervento dello Spirito Santo al punto da ascoltarmi mentre parlavo a persone autorevoli, è veramente sconvolgente, però testimonio anche che, prima di prendere l’appuntamento con queste persone autorevoli, ho invocato tanto lo Spirito Santo su di me e sulla situazione! Provate per crederci se non ci credete ancora per fede!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteAmarsi da Dio: La spiritualità degli innamorati cristiani
Articolo successivoTafida in Italia: una rivincita per la vita e un’occasione di dialogo
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.