Scintilla di luce della Parola

 23/10/19
✝DALLA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AI ROMANI 6,12-18

Fratelli, il peccato non regni più nel vostro corpo mortale, così da sottomettervi ai suoi desideri. Non offrite al peccato le vostre membra come strumenti di ingiustizia, ma offrite voi stessi a Dio come viventi, ritornati dai morti, e le vostre membra a Dio come strumenti di giustizia. Il peccato infatti non dominerà su di voi, perché non siete sotto la Legge, ma sotto la grazia.

Che dunque? Ci metteremo a peccare perché non siamo sotto la Legge, ma sotto la grazia? È assurdo! Non sapete che, se vi mettete a servizio di qualcuno come schiavi per obbedirgli, siete schiavi di colui al quale obbedite: sia del peccato che porta alla morte, sia dell’obbedienza che conduce alla giustizia?

Rendiamo grazie a Dio, perché eravate schiavi del peccato, ma avete obbedito di cuore a quella forma di insegnamento alla quale siete stati affidati. Così, liberati dal peccato, siete stati resi schiavi della giustizia.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
23/10/19 Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Romani 6, 12 -18

“Fratelli il peccato non regni più nel vostro corpo mortale, così da sottomettervi ai suoi desideri”.

🔥Chi è l’ideatore per eccellenza del peccato? È Satana. Quando permettiamo al peccato di dimorare in noi, siamo sottomessi a satana. Vi ricordo la storiella dello scarafaggio, ma in maniera più approfondita: “Noi siamo come una bellissima torta: buona, bella, decorata…un’ opera d’arte di Dio. Se ci passa sopra uno scarafaggio, già la sporca, chi la mangerebbe? Figuratevi se lo scarafaggio si fermasse su di essa e decidesse di restare lì, perché accolto. Altri scarafaggi lo raggiungerebbero e si riprodurrebbero, creando la loro abitazione al centro della torta, sprofondando in mezzo alla panna… non si vedono più, ma… sono lì che la rendono sporca… immangiabile, velenosa!!..

Leggi di più:  Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo

Ormai è solo loro proprietà e nessuno toccherà quella torta… è diventata la loro casa!” Così è l’effetto del peccato in noi!RIPRENDIAMOCI la nostra bellezza, la nostra purezza! Quando siamo puri nel cuore, nello spirito e nel corpo, siamo guidati dalla grazia di Dio alla giustizia, alle opere buone nel mondo. C’è una vita di relazione sociale sana e santa perché guidata dallo Spirito Santo e riusciamo così ad essere il “profumo di Dio nel mondo”! Quando invece il nostro cuore accoglie e non respinge il peccato, anche il più piccolo peccato veniale, piano piano ci rende schiavi, al servizio di chi è l’ideatore del peccato, cioè del maligno! Se non si respinge subito, con la preghiera e con il Sacramento della Riconciliazione, il peccato ci “GOVERNA”, ci sottomette ai suoi desideri, a quelli cioè del maligno che portano ad infelicità e a morte spirituale!

Fare peccato è schiavitù non è libertà! Dio, attraverso Gesù, ci rende invece liberi e felici! Attraverso il Battesimo, il Cristiano viene unito a Cristo Risorto, e mente, volontà e corpo…vengono santificati. Con la forza della preghiera e dei Sacramenti, riusciamo a “dominare le concupiscenze” che non devono più dominare la persona, perché se assecondate, ci inducono piano piano a peccati sempre più gravi… fino ai peccati mortali. Vogliamo restare schiavi del maligno o liberi nella luce, nella gioia di Cristo Risorto che ci porta invece alla giustizia e alla felicità in terra e in cielo? Adoriamo Gesù nel Santissimo Sacramento per respingere il peccato in noi!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteapsCRISTIANITODAY.it – Centododicesimo Numero
Articolo successivoAngelo Russo, un giovane innamorato della Sacra Sindone
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.