Scintilla di luce della Parola

 24/10/19
✝ DALLA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AI ROMANI 6,19-23

Fratelli, parlo un linguaggio umano a causa della vostra debolezza. Come infatti avete messo le vostre membra a servizio dell’impurità e dell’iniquità, per l’iniquità, così ora mettete le vostre membra a servizio della giustizia, per la santificazione.

Quando infatti eravate schiavi del peccato, eravate liberi nei riguardi della giustizia. Ma quale frutto raccoglievate allora da cose di cui ora vi vergognate? Il loro traguardo infatti è la morte.

Ora invece, liberati dal peccato e fatti servi di Dio, raccogliete il frutto per la vostra santificazione e come traguardo avete la vita eterna. Perché il salario del peccato è la morte; ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore.

SCINTILLA DI LUCE🕯
24/10/19 Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Romani 6, 19-23

“Perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore”

🔥Carissimi fratelli e sorelle, lontani da Dio c’è l’assurdo. Sposi, giovani, consacrati e laici missionari, potete forse negarlo? Quando non si prega Dio, si vive l’inferno dentro noi e attorno a noi: droga, alcool, violenza, impurità… quanti giovani che non pregano si perdono! Ci sono invece anche tantissime persone che, pur crocifissi in una sedia a rotelle o per un lutto o crocifissi da una malattia di un familiare… o da disgrazie varie… sono felici. Qual è il segreto? Accogliere, come Maria Ss, il Verbo fatto carne, Gesù Cristo nostro Signore, che porta la gioia, la forza, il coraggio fino e oltre la morte terrena, eternamente! Il salario del peccato invece, dice la Parola, è la morte spirituale.

Leggi di più:  "Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente.."

Quando non accettiamo la sofferenza, una croce… è Morte, non c’è Risurrezione. Il Cristiano vero, sa vivere la passione, cioè con Gesù, sa sopportare la sofferenza, sa morire, accettando la volontà di Dio che nella “prova, MAI abbandona” e così gode della Risurrezione! A chi mi chiede: “Tu come fai a sopportare questa grande prova?” Io rispondo: ” mi fido di Dio, mi fido di “Nostro Padre”, che si prende cura di OGNI suo FIGLIO, Lui sa cosa io posso sopportare, non mi abbandona nella prova!”. La mia felicità è questa! Quando non fa più paura né la sofferenza, né la morte fisica, Io sono già felice, vivo già in Paradiso! In che modo? Tre possono essere le vie da vivere:
1. Se le cose vanno bene, sono felice perché va tutto bene;
2. Se vivo una sofferenza fisica, una prova, grande o piccola, la offro in espiazione dei miei peccati, la offro come “Purgatorio” e ciò mi rende felice;
3. Se sono chiamata alla morte fisica, mi fido di Maria Santissima che ho invocato tante volte con il Santo Rosario quotidiano, chiedendole di pregare per me nell’ora della morte. Mi fido inoltre delle promesse di Gesù di salvarci, se fedeli ai Sacramenti. Vivendo con la speranza di incontrare Dio attraverso la morte terrena, già il mio cuore esulta di gioia! Cerchiamo di essere cristiani a tempo pieno e non a “part-time”!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLuca Ward: Quando ero ragazzo, la Madonna mi è apparsa e mi ha sorriso
Articolo successivoScintilla di luce della Parola
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.