Scintilla di luce della Parola

31/10/19
✝ROMANI 8,31b-39

Fratelli, se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli, che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha consegnato per tutti noi, non ci donerà forse ogni cosa insieme a lui? Chi muoverà accuse contro coloro che Dio ha scelto? Dio è colui che giustifica! Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!

Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Come sta scritto:
«Per causa tua siamo messi a morte tutto il giorno,
siamo considerati come pecore da macello».

Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori grazie a colui che ci ha amati. Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza né profondità, né alcun’altra creatura potrà mai separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
31/10/19 Rm 8, 31b-39

“Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?”.

🔥Carissimi fratelli e sorelle, “tribolazione, angoscia, persecuzione, pericolo”….di cui San Paolo parla ai Romani, io le ho provate tutte! Oggi voglio ridarvi la mia testimonianza che in tutti questi “brutti momenti” della mia vita, niente e nessuno mi ha mai separato dall’Amore di Cristo anzi, è l’Amore di Cristo che mi ha SOSTENUTO! Senza non avrei retto! È bello lodare il Signore quando tutto ti va bene, ma la fede Vera si manifesta quando vedi che tutto sfugge dal tuo controllo: salute, ricchezza, lavoro, prestigio, bellezza, sicurezze terrene….Si è ancora in grado di lodare il Signore? Ci siamo forse separati in questi momenti, dall’Amore di Cristo? Se per qualche minuto, qualche periodo è accaduto, può essere “fisiologico”, ma allontanarsi definitivamente dell’Amore di Cristo è segno di “assenza di fede.” Il Cristiano infatti, nelle difficoltà, si UNISCE di più a Cristo, NON si separa dal suo AMORE, perché solo chi “sa vivere la passione di Cristo”, solo chi “sa morire con Cristo”, GODE della Risurrezione di Cristo! Non c’è Risurrezione senza passione e morte! Nei momenti bui della mia vita, mi sono sempre stretta alla passione di Cristo e ho trovato forza, consolazione, sostegno indescrivibile…fino a saper dire, con l’aiuto di Gesù: “Padre, non la mia volontà si compia, ma la tua”.

Leggi di più:  Scintila di luce della Parola

In questo bellissimo momento, in cui ho dato tutto di me, in cui sono morta al mio IO e alla mia volontà…ho sentito la Risurrezione! Quando mi ribellavo, quando rifiutavo la croce, era una continua “passione” invece! È quando ci Arrendiamo, quando sperimentiamo la Morte, è solo quando moriamo che RISORGIAMO! La vita del Cristiano deve essere conforme a Cristo…e Cristo ha patito, è morto prima di Risorgere. Non rifiutare MAI la passione e non allungarla ribellandoti, cerca di morire subito in essa, accettandola e fidandoti di Dio, così ha fatto Abramo e Dio gli ha ridato il figlio! Dio non abbandona neanche noi! Quando impari a soffrire, a morire… impari a risorgere fino al punto da ringraziare Dio per ogni passione che nasconde sempre una Risurrezione. Ma esiste forse una Risurrezione se non si arriva a morire? Rifletti.
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente”Vita spezzata di un fiore” Lettera di un sacerdote dedicata al giovane Luca
Articolo successivoPadre Matteo d’Agnone, un grande esorcista morto la notte del 31 ottobre
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.