Scintilla di luce della Parola

 01/11/19
✝ VANGELO MATTEO 5,1-12a

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
01/11/19 Matteo 5,1 -12a

“Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli”.

🔥Tutti i battezzati, per grazia di Dio, siamo resi santi, perché la Trinità dal Battesimo è in noi e diventiamo “Tempio Santo”. Questa grazia di Santità va difesa, il maligno è in agguato e vuole rovinarla come meglio può. Usa tanti modi, alcuni già scoperti, altri sono silenti e solo i Sacramenti e la preghiera li portano alla luce e li vincono. Come difenderci? Gesù è venuto a salvarci dando il Suo corpo e il Suo sangue nell’Eucaristia, ci salva con i Sacramenti e con la Parola attraverso cui ci parla, ci educa alla battaglia.

Attraverso questa Parola di Matteo, Gesù ci consegna le Beatitudini e ci invita a VIVERLE , ci mette nella via perfetta della Santità che i nostri fratelli martiri e santi hanno, prima di noi, percorso. Chi sono infatti i santi? Sono coloro che si sono mantenuti “poveri nello spirito” anche nella ricchezza, sono coloro che nel pianto non si sono scoraggiati e ricorrendo a Dio, si sono lasciati consolare. I santi sono stati miti e hanno trovato sazietà in Dio nella loro “fame e sete di giustizia”. I santi sono coloro che hanno incontrato Dio in terra, nel Sacramento della Riconciliazione attraverso cui hanno mantenuto “Puro il loro cuore” e hanno educato tanti fratelli alla confessione per fare, come loro l’esperienza della Misericordia del Padre. I santi sono coloro che in famiglia, al lavoro, nella politica… hanno lottato per la pace, hanno subito le persecuzioni pur essendo nella giustizia e hanno resistito e respinto con Amore PERDONANDO ogni “falsa accusa”, ogni falsa calunnia e ogni persecuzione…FRUTTO SPESSO della loro scelta di essere controcorrente. Hanno rifiutato la delinquenza, ogni violenza e arroganza…. ogni peccato insomma in “azioni, opere ed omissioni” . Cosa li ha resi così forti e li ha distinti?

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

La CERTEZZA di una grande ricompensa, non in terra ma in cielo. Questa certezza li ha resi Beati già in terra! Seguiamo il loro esempio. L’invito alla Santità è per tutti, anche per te. La beatitudine è nei cieli, ma si costruisce qui in terra. I fratelli nel mondo vogliono vedere Dio attraverso noi Cristiani. Impegniamoci a vivere le Beatitudini per la nostra salvezza e per quella dei fratelli, attraverso noi.
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedentePadre Matteo d’Agnone, un grande esorcista morto la notte del 31 ottobre
Articolo successivoSanta Gemma Galgani : lo sguardo sul crocifisso
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.