Scintilla di luce della Parola

Foto di Free-Photos da Pixabay

 07/01/20
✝ DALLA PRIMA LETTERA DI SAN GIOVANNI APOSTOLO 3,22 – 4,6

Carissimi, qualunque cosa chiediamo, la riceviamo da Dio, perché osserviamo i suoi comandamenti e facciamo quello che gli è gradito.

Questo è il suo comandamento: che crediamo nel nome del Figlio suo Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri, secondo il precetto che ci ha dato. Chi osserva i suoi comandamenti rimane in Dio e Dio in lui. In questo conosciamo che egli rimane in noi: dallo Spirito che ci ha dato.

Carissimi, non prestate fede ad ogni spirito, ma mettete alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo. In questo potete riconoscere lo Spirito di Dio: ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.

Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto costoro, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo. Essi sono del mondo, perciò insegnano cose del mondo e il mondo li ascolta. Noi siamo da Dio: chi conosce Dio ascolta noi; chi non è da Dio non ci ascolta. Da questo noi distinguiamo lo spirito della verità e lo spirito dell’errore.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
7/01/20 Dalla prima lettera di San Giovanni Apostolo 3, 22- 4,6

“Ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

🔥Oggi, carissimi fratelli in Cristo, “facciamo Verità” dentro di noi, analizziamo cioè i sentimenti profondi, nascosti in noi…se sono cattivi o buoni. Odiamo qualcuno? Ci fa antipatia qualche nostro conoscente: collega, parente, parrocchiano?..Se così è, noi trasgrediamo il comandamento di Dio che dice di “amarci gli uni gli altri”. Ma non è tutto finito …solo però se rispettiamo l’altro comandamento che questa Parola ci suggerisce, cioè quello di “CREDERE” nel nome del figlio suo Gesù Cristo! Sta scritto infatti: “Questo è il suo comandamento: che crediamo…. e che ci amiamo…”. Quando non amiamo abbastanza, a volte ci accade di vivere, non solo nella sofferenza che il peccato ci procura, ma anche nel “senso di colpa”. Oggi, questa Parola ci viene in aiuto! Cerchiamo di “saggiare” come dice la Parola, se lo Spirito che è in noi viene da Dio o no. La Parola ci dice che “ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio”, quindi anche se non siamo perfetti, SE CREDIAMO in GESÙ, possiamo con Lui essere perfetti!

Partiamo dal riconoscere il nostro limite umano, ammettiamo che non siamo perfetti. Poi, credendo a Colui che è “sorgente di Amore”, se umilmente ci presentiamo a Lui, SE lo ADORIAMO e gli chiediamo di aiutarci a cambiare il nostro modo di amare… tutto si sistemerà, perché fa tutto Lui in noi! Noi soffriamo perché non siamo abbastanza educati a fare questa ricerca interiore della Verità in noi, e non chiediamo aiuto. Quando ci poniamo invece il problema, alla presenza di Gesù, ogni sofferenza svanisce, perché la Verità, che è Gesù, si rivela a noi… ci porta a credere in Lui, ci porta ad amare, perdonare, a riconciliarci anche solo spiritualmente. RICONOSCENDOCI PECCATORI, noi ci CONVERTIAMO a Cristo che “seriamente” cambia la nostra vita.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Quando invece sottovalutiamo le antipatie, i rancori… ed escludiamo il fratello antipatico… senza lavorare in noi… noi NON vivremo mai la gioia vera e la pace interiore che solo Gesù può darci! Se non riconosciamo Gesù, noi non vivremo mai nell’amore di Dio, ma solo nella falsa e temporanea felicità mondana! Riepilogando: se crediamo in Gesù, noi viviamo in Dio e nel Suo amore. Se non crediamo in Gesù, noi non viviamo in Dio. Adoriamo Gesù spesso e tutto può cambiare per il nostro bene perché Lui ci porta a vivere “solo” in Dio!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteL’Epifania tutte le feste… fa iniziare!
Articolo successivo4 metodi per evitare il pettegolezzo
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.