Scintilla di luce della Parola

Foto di Free-Photos da Pixabay

10/01/20
✝DALLA PRIMA LETTERA DI SAN GIOVANNI APOSTOLO 4,19 – 5,4

Carissimi, noi amiamo Dio, perché egli ci ha amati per primo. Se uno dice: «Io amo Dio» e odia suo fratello, è un bugiardo. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. E questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche suo fratello.

Chiunque crede che Gesù è il Cristo, è stato generato da Dio; e chi ama colui che ha generato, ama anche chi da lui è stato generato.

In questo conosciamo di amare i figli di Dio: quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti. In questo infatti consiste l’amore di Dio, nell’osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi.

Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
10/01/20 Dalla prima lettera di Giovanni 4, 19- 5,4

“…Chi ama colui che ha generato, ama anche chi da lui è stato generato”. In questo conosciamo di amare i figli di Dio: quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti”

🔥 Solo se “amiamo Dio” e se “osserviamo i suoi comandamenti” noi viviamo da figli di Dio… secondo il mio punto di vista! Per me, NON basta infatti, per santificarci, solo “amare e adorare Dio”, OCCORRE ANCHE vivere i comandamenti perché solo così viviamo nella GIUSTIZIA e nella VOLONTÀ di Dio. Mi spiego meglio con un esempio: se io amo Dio e lo adoro dalla mattina alla sera, ma poi odio un mio collega e non faccio niente per non odiarlo, io non vivo nella volontà di Dio che mi dice invece di amarlo e di respingere l’odio. Il comandamento di Dio dice di amarci gli uni gli altri.

Sta scritto infatti: “se uno dice: amo Dio e odia suo fratello, è un bugiardo”. Per santificarci, per me occorre amare, adorare Dio con tutto il cuore, ma anche vivere i comandamenti. Non posso pregare sempre Dio, adorarlo….e poi rubare, non rispettare il padre e la madre, uccidere, commettere atti impuri.. I comandamenti di Dio esprimono la Sua volontà che noi “NON possiamo ignorare!” Vero è che la Misericordia di Dio è INFINITA ma non ci illudiamo fratelli di poter prendere in giro Dio che è anche Giusto e rispettoso delle nostre scelte di vita! Lui sa tutto di noi, conosce pure la “purezza delle nostre intenzioni!” Ci santifichiamo ADORANDO Dio e RISPETTANDO la Sua volontà, VIVENDO nella Sua volontà che ci dice di Amare tutti i fratelli; ci dice di essere pazienti, caritatevoli, umili, rispettosi degli altri…Amare e adorare Dio è il primo comandamento che ci aiuta a vivere la volontà di Dio, e solo se la viviamo, ci santifichiamo! Non ci santifica la preghiera, ci santifica il compiere la volontà di Dio…e questa riusciamo a compierla pregando! Più preghiamo, più adoriamo Dio e più cresce in noi il desiderio di vivere i Sacramenti che fortificano la fede. La Fede poi, se vissuta, ci salva! La preghiera fatta con fede ci salva perché:

1)ci porta ad adorare Dio sempre, anche nelle prove, senza perdere la speranza, senza scoraggiarci e perchè…
2) ci porta a desiderare e a vivere nella “VOLONTÀ di Dio.” Il Padre ci dice di amare Lui e tutti i fratelli, ma ci dice anche di essere “giusti”. Ma come riuscirci? Attraverso Gesù. Cristo ci porta infatti l’Amore di Dio, Gesù ci ha redenti con il Suo sangue, ci perdona attraverso il Sacramento della Riconciliazione… Crediamo ed amiamo dunque Gesù per arrivare ad un amore perfetto a Dio e agli uomini. Sta scritto infatti: “Chi ama Dio che tutto ha generato, ama anche colui che è stato da Lui generato” quindi anche l’uomo, la natura… il mondo!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteMaria guarisce dalla psoriasi grazie alla Madonna di Lourdes
Articolo successivoPadre Jozo Zovko: I doni dati da Gesù ai sacerdoti
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.