Scintilla di luce della Parola

Foto di Free-Photos da Pixabay

14/01/20
✝VANGELO MARCO 1,21b-28

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafarnao,] insegnava. Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi.
Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.
Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

SCINTILLA DI LUCE🕯
14/01/2020 Marco 1,21 b-28

“Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci?”.

🔥Gesù è venuto a ROVINARE il progetto di sofferenza e morte che il maligno vuole attuare nei cuori e nella vita di noi uomini. Il maligno vuol renderci INFELICI e vuol distruggere non solo le famiglie, ma anche l’esistenza di ciascuna persona e del mondo! Satana si ribella ovviamente alla liberazione che porta Gesù e chiede a Colui che tutto può, se è venuto a rovinare il suo malefico piano. Quando Gesù nella sinagoga “insegna”, satana si disturba. Quando i Sacerdoti predicano, quando i catechisti evangelizzano, quando i bambini imparano a pregare, quando i coniugi pregano….Satana si disturba, e cosa fa? Attacca, distrae, semina zizzania, pur di allontanare tutti e tutto dalla “sorgente di vita,” di pace, di amore e di giustizia che è GESÙ.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Ci attacca direttamente (malefici, possessioni…), o indirettamente, cioè allontanandoci dalla Verità, creando confusione, attirandoci verso “altro”, pur di non farci pregare o farci pregare male! Attira la nostra attenzione con le preoccupazioni, con le ansie, con le vanità terrene, con i divertimenti moderni tecnologici o con VIZI che ci portano a fare tutto…tranne che Adorare Dio, tranne che vivere i Sacramenti e contemplare la Parola. Tutto c’è da fare ed è importante farlo: lavorare, essere coniuge, genitore, assistere gli anziani, accudire la casa… fare sport o volontariato…Certo tutto è giusto fare, ma quando non c’è spazio per la preghiera, il maligno ha raggiunto il suo obiettivo, e si impossessa di tutto ciò che di buono facciamo! Lui studia le sue prede e ci attacca con i sensi di colpa, con l’ansia di dover far tutto! Mettiamo Dio e la preghiera al primo posto!! Partiamo da lì e tutto ciò che facciamo, sarà BENEDETTO e porterà molto frutto… La mia è una TESTIMONIANZA… non è solo un consiglio!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteIl miracolo del Rosario di Hiroshima
Articolo successivoLe 7 armi che tengono salda e unita la famiglia di Dio
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.