Scintilla di luce della Parola

0
275
figlio-dell-uomo

10/08/18
✝VANGELO GIOVANNI 12,24-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.
Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna.
Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».

SCINTILLA DI LUCE 🕯
10/08/2018 venerdì
Gv 12,24-26
“Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto”

🔥Il cristiano è colui che ha scelto di imitare Cristo, ma non solo quando gli fa comodo! Lui è risorto dopo aver patito e… non si risorge senza una “MORTE”.

Se del Cristianesimo noi vogliamo vivere solo la Risurrezione,stiamo percorrendo una strada di pura ILLUSIONE. Il vero discepolo di Cristo, sa patire con Cristo, gode della gioia della Risurrezione, ma deve anche imparare a morire, se vuole portar frutto, come il chicco di grano.

Gesù è come il chicco di grano che, quando cade a terra si dissolve per ritrovarsi in una “MOLTITUDINE” di chicchi. Gesù, elevato in croce, attirerà tutti a sé (Gv 12,32) e noi, cari fratelli? Gesù ,dando la sua vita in croce e risorgendo…. nei sacramenti, ci dà gratuitamente la “perfetta letizia”, ci dà la vera vita.

Uniti a Gesù, noi impariamo a “darci” come si è dato e si dà Gesù:gratuitamente, con gioia ….e il frutto è la vita eterna per ciascuno, per noi e per i fratelli !!!Cosa diamo noi fratelli? Dio ama chi dona con gioia (2 Cor 9,6-10).

Siamo chiamati non solo ad essere generosi verso i fratelli, secondo le proprie possibilità ma con gioia siamo chiamati a dare anche un po’ del nostro tempo libero nel volontariato…. (per chi può). Facciamolo con gioia:andiamo a trovare gli anziani, facciamo catechismo, lavoriamo con la CARITAS, nelle mense dei poveri… Diamo con “GIOIA” il perdono, anche questo è saper morire.

Diamo il nostro contributo al benessere nella società, lavorando con onestà, senza ingiustizia ma con abnegazione… senza falsa malattia. Impariamo a morire al nostro idolo del potere, della carriera, dando con gioia il nostro tempo… condividendo i frutti della nostra intelligenza, della nostra capacità e cultura, per il benessere non solo nostro ma di tutti. Impariamo a “darci” come si è dato Gesù : Evangelizzando ,anche diffondendo il vangelo con gioia e per la gloria di Dio.

Anche questa è una “MORTE” che può portare molto frutto! Condividi la PAROLA..fallo adesso,porta GESÙ nei cuori dei fratelli!
DIO CI BENEDICA 💕🙏🏻
M. C. M.