Scintilla di luce della Parola

21/01/2020
✝VANGELO MARCO 2,23-28

In quel tempo, di sabato Gesù passava tra i campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: ” Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?”. Ed egli rispose loro: ” Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!”. E diceva loro: “Il sabato è stato fatto per l’uomo  e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato”.

SCINTILLA DI LUCE🕯
21/01/2020 Marco 2, 23- 28

“Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato”.

🔥Questa è la risposta di Gesù ai farisei che protestavano vedendo i discepoli fare “in giorno di sabato quello che non è lecito”. Gesù, con questa risposta, riporta la “centralità dell’uomo sopra il precetto”. Giusto e doveroso è obbedire al precetto e alle leggi dello Stato, ma se farlo comporta l’offesa alla dignità della persona, oppure se porta ad ignorare l’uomo, i suoi diritti e i suoi bisogni vitali, Gesù mette da parte la legge e implicitamente ci esorta ad attenzionare “prima Dio e l’uomo”.

Quando infatti il rispetto della legge comporta l’offesa a Dio e all’uomo, Gesù obietta coscienziosamente ed esorta tutti i cristiani ad essere “obiettori di coscienza” affinché con coraggio sappiano gridare forte, in tutti i luoghi (lavoro, famiglia, società, politica…) contro chi tiene incatenata la Verità nell’INGIUSTIZIA. Fratelli cristiani, cerchiamo nella preghiera la forza di Dio per dire NO all’ingiustizia! Parlando con dei ginecologi abortisti, alla mia domanda “perché lo fa”, mi rispondono che loro sono medici e devono salvare la vita dei pazienti…continuano dicendo: “la donna che non vuole il suo bambino, farebbe di tutto per disfarsene, procurandosi l’aborto in luoghi lontani dall’ospedale, con pagamenti illegali a persone senza scrupoli che le esporrebbero a rischi di morire per infezioni ed emorragia per le strade.” Per contrastare “l’aborto clandestino” è nata l’IVG, l’interruzione volontaria di gravidanza in ospedale!

Leggi di più:  La Sacra Bibbia spiegata da Padre Piero Riggi

Fratelli cristiani anche se questa legge tutela le donne, soprattutto quelle povere che abortirebbero comunque e con chiunque…. per me, rimane sempre un “crimine autorizzato”!! Ogni legge infatti, per me, deve essere creata per il bene dell’uomo! La legge che la domenica o nei festivi “non si lavora”, è stata creata per far riposare l’uomo, un riposo fisico e spirituale. Quanti uomini invece non partecipano alla Messa, non pregano e nel giorno del riposo fanno giardinaggio o pulizie approfondite? La legge è giusta, è la volontà dell’uomo che va corretta! Ritorniamo all’aborto. Secondo il mio punto di vista, non c’è bisogno di creare una legge che procura morte CERTA a una vita che è l’embrione, giustificando il “crudele gesto”…dicendo di evitare con esso, la morte DUBBIA della mamma. Dietro quel bel gesto, si nasconde per me un’ingiustizia legalizzata! Occorre trovare un’altra soluzione e lavorare di più sulla VOLONTÀ delle donne, potenziare la PREVENZIONE….informarle sull’esistenza del C.A.V ( centro aiuto alla vita)…oppure indirizzarle di più ai “CONSULTORI” dove potranno essere seguite da persone competenti che potranno tutelarle e forse riuscire ad incoraggiarle a portare a termine la gravidanza e poi permettere l’adozione… ma uccidere l’embrione “a cuor leggero”, senza importanti motivazioni… va evitato!!

E se fallisce il tentativo di convincerle a non abortire, ovunque sono e in qualsiasi momento serva, si interviene per il loro bene, anche nei giorni festivi! A salvare le donne che potrebbero rischiare la vita, ci pensa il “Sistema Sanitario di emergenza,” che lavora anche nei giorni festivi! Ma a te fratello medico abortista che certamente vuoi evitare l’EVENTUALE morte delle donne… voglio esprimere, con carità fraterna e rispettosa un personale pensiero: “pensaci bene prima di programmare l’uccisione CERTA degli embrioni”. Ogni legge deve essere creata per il bene di OGNI essere vivente e ANCHE l’embrione “è un essere vivente”! Forse è questa VERITÀ che sfugge ancora!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteSanta Faustina Kowalska : umile stumento nelle Mani di Dio
Articolo successivoChi è il Padre Spirituale?
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.