Scintilla di luce della Parola

24/01/2020
✝ VANGELO MARCO 3,13-19

In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici –  che chiamò apostoli – , perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni. Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
24/01/2020 Marco 3, 13- 19

“In quel tempo Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui.

🔥Gesù SCEGLIE chi vuole Lui! I 12 apostoli li chiamò “perché stessero con Lui”. Quando i tempi furono maturi poi, li mando’ a “predicare con il potere di scacciare anche i demoni”, ci dice la Parola. Agli occhi dei sapienti di un tempo, forse i 12 apostoli, non erano molto stimati per le loro scarse “conoscenze teologiche”, ma è Gesù che sceglie, è Gesù che prepara i cuori e la mente, ed è sempre Gesù che “manda” poi a predicare e a liberare!

Carissimi fratelli ancora oggi è così… è Gesù che chiama! Si può essere balbuzienti, impreparati perché non c’è “formazione”, si può essere troppo giovani o forse troppo anziani, forse malati o troppo impegnati…. L’ uomo si crea spesso troppi “paletti”…quando Gesù chiama, si sente dentro e si deve agire come i 12 apostoli che “andarono da Lui” senza indugio, senza dubbi! La Parola ci dice “andarono da Lui”, e stando con lui, la loro maturità spirituale, era forse all’altezza di un “dottorato in teologia”….

È Gesù che “chiama e manda”! In un tempo limitato, erano così pronti infatti da poter essere “mandati a predicare”. La formazione, gli studi, gli approfondimenti della Verità sono certamente molto importanti, ma non va sottovalutata a mio parere l’umiltà, la buona volontà nel voler apprendere da Gesù, la capacità di ASCOLTO e la voglia, tanto quanto la gioia, di pregare. Un Cristiano che non sa essere discepolo, secondo il mio punto di vista, difficilmente sarà Apostolo!

Occorre prima imparare ad ASCOLTARE Dio pregando. Occorre imparare ad essere obbediente ed umile, ma soprattutto occorre volere stare, seguire ed andare spesso da Gesù che rende sempre più perfetti evangelizzatori. Invochiamo oggi tanto lo Spirito Santo, contempliamo la Parola che è Gesù VIVO che ci parla ancora, che chiama e prepara predicatori, che con il coraggio della testimonianza, contribuiscono a far crescere il Regno di Dio. Oggi in questo momento, con questa Parola, mettiamoci in ascolto e cerchiamo di capire se forse Gesù sta chiamando o ha già chiamato anche noi. Come rispondiamo?
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente‘ Te lo prometto’ e l’incontro con la fede a Medjugorje
Articolo successivoDolindo che significa dolore
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.