Scintilla di luce della Parola

 07/02/2020
✝SIRACIDE 47,2-13

Come dal sacrificio di comunione si preleva il grasso,
così Davide fu scelto tra i figli d’Israele.
Egli scherzò con leoni come con capretti,
con gli orsi come con agnelli.
Nella sua giovinezza non ha forse ucciso il gigante
e cancellato l’ignominia dal popolo,
alzando la mano con la pietra nella fionda
e abbattendo la tracotanza di Golìa?
Egli aveva invocato il Signore, l’Altissimo,
che concesse alla sua destra la forza
di eliminare un potente guerriero
e innalzare la potenza del suo popolo.
Così lo esaltarono per i suoi diecimila,
lo lodarono nelle benedizioni del Signore
offrendogli un diadema di gloria.
Egli infatti sterminò i nemici all’intorno
e annientò i Filistei, suoi avversari;
distrusse la loro potenza fino ad oggi.
In ogni sua opera celebrò il Santo,
l’Altissimo, con parole di lode;
cantò inni a lui con tutto il suo cuore
e amò colui che lo aveva creato.
Introdusse musici davanti all’altare
e con i loro suoni rese dolci le melodie.
Conferì splendore alle feste,
abbellì i giorni festivi fino alla perfezione,
facendo lodare il nome santo del Signore
ed echeggiare fin dal mattino il santuario.
Il Signore perdonò i suoi peccati,
innalzò la sua potenza per sempre,
gli concesse un’alleanza regale
e un trono di gloria in Israele.

SCINTILLA DI LUCE🕯
7/02/2020 Dal libro del Siracide 47,2 -13

“Egli aveva invocato il Signore, l’Altissimo che concesse alla sua destra la forza per eliminare un potente guerriero e innalzare la potenza del suo popolo”.

🔥Il coraggio di Davide, la sua bravura e la sua intelligenza nelle leggendarie imprese, mi hanno sempre colpito. Ma ancor di più, a me piace l’Amore che Davide ha avuto per Dio e la sua capacità di riconoscere il suo limite umano e i suoi errori ai quali in seguito umilmente ha riparato. Ai miei due figli, sin da bambini, più volte ho raccontato l’eroica avventura di come Davide ha ucciso il gigante Golia. Il Gigante confidava nella sua forza e nella sua armatura. Davide invece era piccolo di statura, ma confidava “solo nel Signore”. Non aveva infatti armatura ma solo una fionda e cinque sassi. Ricordo che eravamo a Medjugorje quando comprando dei rosari, mi hanno regalato alcune santine della Madonna. Sul retro c’era scritto: “Ecco i cinque sassi con cui anche tu puoi uccidere il tuo Golia”. Subito mio figlio Davide, allora adolescente, ha memorizzato ad uno ad uno i cinque sassi e li ha approfonditi, VIVENDOLI con SERIETÀ e, quando all’età di 20 anni ha dovuto affrontare i primi problemi con i concorsi, ha usato questi cinque sassi che adesso condivido:
1) L’ Eucaristia;
2) La preghiera del cuore;
3) Il Santo Rosario;
4) Il digiuno;
5) La Bibbia ( la Parola).
Li conosceva bene, perché sin da bambini io e mio marito li abbiamo entrambi educati a vivere i cinque sassi. Oggi mio figlio Davide, il più grande, frequenta il terzo anno della Scuola Sottufficiali della Guardia di Finanza e all’età di soli 23 anni, è sempre pronto ad usare questi CINQUE SASSI per affrontare “con Dio e in Dio” OGNI PROBLEMA che, come tutti, può e deve affrontare. Anche Chiara ha già vinto tante battaglie (18 anni). A voi genitori adesso mi rivolgo dandovi un consiglio: insegnate ai vostri figli a camminare con Dio, perché solo con Lui NON avranno MAI paura nell’affrontare le difficoltà quotidiane e soprattutto, SAPRANNO RIALZARSI quando cadranno! Insegnate ai vostri figli l’esistenza dei 5 SASSI per la loro SANTIFICAZIONE ed esortateli a farne tesoro perché, nel bisogno, si riveleranno ARMI che permetteranno loro di difendersi e di vincere ogni battaglia!! Se vi snobbano, NON mollateli MAI e come Santa Monica che pregò tanto per suo figlio Agostino, pregate, pregate tanto per loro! Così abbiamo fatto e stiamo facendo io e mio marito! Ogni giorno consacriamoli al Cuore Immacolato di Maria!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteGli 11 peccati mortali che conducono l’uomo all’inferno secondo Suor Faustina
Articolo successivoA Napoli nella Chiesa delle Capuzzelle dove si incontrano le anime dei morti
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.