Scintilla di luce della Parola

 11/02/2020
✝VANGELO MARCO 7,1-13

In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme.
Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti ,quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?».
Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaìa di voi, ipocriti, come sta scritto:
“Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il suo cuore è lontano da me.
Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini”.
Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».
E diceva loro: «Siete veramente abili nel rifiutare il comandamento di Dio per osservare la vostra tradizione. Mosè infatti disse: “Onora tuo padre e tua madre”, e: “Chi maledice il padre o la madre sia messo a morte”. Voi invece dite: “Se uno dichiara al padre o alla madre: Ciò con cui dovrei aiutarti è korbàn, cioè offerta a Dio”, non gli consentite di fare più nulla per il padre o la madre. Così annullate la parola di Dio con la tradizione che avete tramandato voi. E di cose simili ne fate molte».

Parola del Signore

SCINTILLA DI LUCE🕯
11/2/2020 Marco 7,1 -13

“Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

🔥Nulla sfugge a Gesù. I farisei pensano di ingannare pure Dio, ma Gesù sa che sono ipocriti, per questo risponde così duramente al popolo giudaico che lo “onora con le labbra… mentre il loro cuore è lontano da Lui”! Invece di osservare il comandamento di Dio di amarlo con tutto il cuore, con tutta l’anima e tutte le forze, volevano cavarsela “osservando norme, usanze e tradizioni prive di vita come le lavature di bicchieri e oggetti di rame”…così ci dice la Parola. Ciò che vuole il Signore da noi, Nuovo Popolo che Lui ha creato, è invece non l’ osservanza di norme esterne alla persona, ma un “NUOVO MODO di essere, cioè: VIVERE NELL’AMORE”. E come si fa a vivere nell’Amore? Occorre ASCOLTARE e seguire Cristo. Occorre imparare ad imitare Gesù che ci parla ancora con la Sua Parola.

Gesù istruisce ancora il Suo Popolo perché ci vuole UNITI a LUI, perché solo così saremo capaci di amarlo e di amare i fratelli, fino a dare la vita come ha fatto Lui! È giusto Adorare Dio perché è un nostro dovere ma Gesù non ha bisogno di “adoratori a parole,” di gente che “lo onora con le labbra”. Il Signore ci invita ad adorarlo perché “adorarlo fa bene a noi”, infatti ADORANDOLO noi cambiamo, e piano piano impariamo ad amarlo e ad amare seriamente anche i fratelli! Se impariamo ad amarlo anche lo rispettiamo, e mettiamo così in pratica i suoi comandamenti che non sono imposizioni, ma vie da seguire che ci portano a Lui, a SANTIFICARCI…ad essere FELICI in terra e in cielo eternamente! Non cerchiamo di fare i furbi. Il comandamento di onorare la madre e il padre, ad esempio, si mette in pratica “amandoli, rispettandoli, accudendoli” anche se sono anziani e non più autosufficienti e vigili! Non si sostituisce l’assistenza e il dovere di amarli e rispettarli pregando soltanto per loro, o… compiendo abluzioni o altro.

Leggi di più:  Scintilla di Luce della Parola

Gesù ci insegna “con l’esempio” ad Amare concretamente… “con i fatti e non solo a parole!”. Lui ha obbedito al Padre e ha dato la vita per noi! Oggi, per me, questa Parola ci esorta ad amarlo PREGANDO, ma anche e soprattutto, uniti a Lui, ad essere ANNUNCIO VIVENTE dell’ Amore…. “con i fatti!”
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLa voce dell’anima : ascoltala perchè desidera parlarti
Articolo successivoE’ corretto ricevere la comunione in mano? Ce lo spiega un sacerdote
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.