“Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore produce molto frutto”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

10/08/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 12,24-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.
Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna.
Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».

Parola del Signore

SCINTILLA DI LUCE🕯
10/08/2020 Giovanni 12,24 -26

“Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore produce molto frutto”.

🔥Gesù ci ha amati fino alla fine per liberarci dalla schiavitù del peccato. Quanti esempi di nostri fratelli martiri possiamo citare, che si sono dati….che hanno dato la loro vita per far nascere una VITA NUOVA nel cuore di altri fratelli! L’ esempio produce frutti di conversione, produce la nostra riflessione, il nostro interrogativo: “veramente esiste un Amore così grande per cui dare la propria vita…per cui spendersi fino a morire….per cui sacrificare tutto?” I Santi dicono di SÌ. Gesù stesso, Maria Santissima, hanno dato tutto per Dio che ha fatto altrettanto.

Il Padre infatti li amati… ci ha amati, fino a sacrificare il Suo Figlio Unigenito in croce per la conversione e per la salvezza eterna. Maria Santissima è stata, secondo me, un grande “chicco di grano” che ha saputo morire a se stessa….ha dato il suo grembo e il frutto è stato infinitamente grande! San Giuseppe è un altro “chicco”: ha saputo abbandonarsi, ha creduto…Non dimentichiamo i tanti Profeti, gli Apostoli e tutti quei personaggi della Bibbia che hanno creduto nell’Amore di Dio e hanno portato avanti la volontà del Padre, mettendo da parte la loro. Questi, sono come il chicco di grano che muore portando tanto frutto di: giustizia, verità, conversione, pace, liberazione, guarigione interiore…e noi, sappiamo essere come “il chicco di grano” capace di morire? Per me saper morire vuol dire sapersi abbandonare a Dio, aver piena fiducia in Lui. Significa smettere di aver paura nelle avversità e non dubitare più.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Si muore quando nei problemi smetto di valutare le tante alternative umane e prendo in seria considerazione…. mettendola in pratica….l’alternativa che mi propone Dio. Solo allora si vedranno i frutti! Impariamo a morire come il chicco di grano se si vogliono vedere i frutti! Il mio oggi, non è solo un consiglio, è una testimonianza perché io ho già visto qualche frutto…. imparando a morire!! Da soli è difficile riuscirci, ma con l’aiuto dello Spirito Santo, sarà tutto più semplice!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 35 Come ricevo e aumento la Grazia?
Articolo successivoBenedetto XVI “l’umiltà è una missione”
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.