«Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli»

06 OTTOBRE 2021 MERCOLEDÌ

MERCOLEDÌ DELLA XXVII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

San Bruno di Colonia, Sacerdote e Monaco

Lc 11,1-4

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».

Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:

Padre,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno;

dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,

e perdona a noi i nostri peccati,

anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,

e non abbandonarci alla tentazione».

Commento:

Quale grazia! Chiamare Padre l’Eterno, l’Altissimo, l’Onnipotente, il Santo!

***

Gesù ci insegna a pregare. E come inizia la sua preghiera? Padre! Penso che non valutiamo come conviene tale grazia. Chiamare Iddio Padre! È semplicemente un qualcosa di immenso! E noi tante volte lo diciamo con le labbra, ma non lo capiamo con il cuore: Dio è nostro Padre! Quanta bontà e misericordia, averci fatto per la Croce e la Risurrezione veri figli del Santo, dell’Altissimo, dell’Onnipotente!

Solo la fede in questa filiazione divina, basterebbe per riempirci di felicità se vedessimo con chiarezza tutto quanto essa rappresenta di dono immenso, misericordioso, eterno.

Restiamo un attimo in silenzio, raccogliamoci dentro il nostro cuore, che è, appunto, tempio di Dio, e pensiamo che nel nostro intimo c’è nostro Padre, un Padre buono, amante, giusto, luminoso, santo. Lui è il nostro refrigerio, la nostra gioia, il nostro modello, il nostro sostegno, insomma, il nostro TUTTO.

Amiamolo con tutta l’anima, con tutta la mente, con tutto il cuore, con tutta la nostra forza. Dedichiamoci all’apostolato affinché si stabilisca in terra il Regno di Dio, e gli uomini pentiti, mettano in atto la Sua volontà e santifichino il Suo Nome. E così, perdonandoci a vicenda, con cuore largo e senza rancori, possiamo cooperare perché il Nostro Divino Padre regni nei cuori per Gesù, con Gesù e in Gesù.

Leggi di più:  «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele»

La Santissima Vergine, figlia diletta del Padre, sia nostra guida e ci illumini.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here