“State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

17/06/2020
✝ VANGELO MATTEO 6,1-6.16-18

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente, In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
17/06/2020 Matteo 6,1-6. 16-18

“State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

🔥Qual’è la ricompensa che il Padre Celeste riserva per ciascuno di noi, per tutte le opere e la giustizia vissuta… per il nostro volontariato in Parrocchia, per la nostra Missione…?
Per quello che comprendo io è la Santità, è il poter vivere alla Sua presenza “eternamente” nella pace e nella gioia senza fine… Non è la lode degli uomini o l’ essere ammirati! Se tutto quello che facciamo, lo facciamo per essere ammirati dagli uomini, stiamo attenti: rischiamo di perdere tutto! Guardiamo dentro di noi e ricerchiamo la Verità. Interroghiamoci su cosa ci spinge a fare tutto ciò che facciamo. Se è l’ amore per Dio e per i fratelli, stiamo camminando bene! Se è altro…fermiamoci, è meglio! Ritorniamo a Dio e ripartiamo da lì, chiediamogli cosa Lui vuole che facciamo e come vuole che lo serviamo. Chiediamoglielo in silenzio, nel segreto…. Lui ci parlerà!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteFatima ci aiuta a comprendere i segni del tempo
Articolo successivoUn bambino con la sindrome di Down ha tratto beneficio dal lockdown
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.