Tiziana Rocca “La Robin Hood della solidarietà attiva”

Tiziana Rocca “La Robin Hood della solidarietà attiva”

Quanto tempo occupa la preghiera durante la sua giornata?
La preghiera è fondamentale, quando sono a pranzo o a cena con la mia famiglia, non iniziamo mai senza prima aver recitato una preghiera tutti insieme. In tutti i gesti quotidiani è sempre presente e lo stesso è per i miei figli.

Che mamma è Tiziana Rocca?
Sicuramente una mamma che coinvolge molto i suoi figli, nel suo lavoro. Quando posso li porto sempre con me, perché voglio che vedano ciò che faccio. Cerco di fargli respirare ciò che noi genitori facciamo. Vengono con me a Taormina e a Venezia, dovunque io vado.

Oggi secondo lei, cos’è che manca in molte famiglie e qual è il segreto per rendere sempre più unita la famiglia?
Oggi è un mondo difficile perché nessuno ha la pazienza, tutti vogliono avere tutto subito e certamente non è facile. E’ più difficile tenere la famiglia unita oggi, perché ci sono tante curiosità e tante cose che distraggono.
E’ un percorso in cui bisogna lottare insieme e quindi chi decide di sposarsi deve essere consapevole che ci saranno degli ostacoli da dover superare insieme. E’ proprio questo che rafforza l’unione della famiglia.
Oggi nessuno vuole fare più sacrifici, invece i sacrifici sono proprio la base per l’unione familiare ed è impossibile non farli. Ogni giorno bisogna sapersi venire incontro.

Servizio di Rita Sberna

Leggi di più:  Giovannino Guareschi: cristiano, scrittore e uomo libero