Tutte le chiese della Turchia alla fine diventeranno moschee?

foto da pixabay

Il governo turco potrebbe dire che non è loro intenzione convertire tutte le ex chiese cristiane in moschee, ma non dubitare: l’islamizzazione in Turchia sta guadagnando slancio e la possibilità che un giorno tutte le chiese diventino davvero moschee nel paese non può essere completamente esclusa.

Prendiamo ad esempio il museo precedentemente noto come Monastero di Chora, sede della famosa Chiesa del Santissimo Salvatore, che ora viene utilizzata per il culto musulmano  e chiamata Moschea Kariye .

Il monastero fu costruito nel 534 d.C. e fu poi trasformato in moschea nel 1511, subendo la stessa sorte di Hagia Sophia dopo l’occupazione di Costantinopoli. Il monastero di Chora è rimasto una moschea per 434 anni prima di essere convertito in museo nel 1945 dalle autorità.

La conversione in moschee di questi musei che un tempo erano chiese è un allontanamento dall’eredità di Kemal Ataturk del presidente Erdogan, ed è forse una punizione per la conversione delle moschee in chiese in Europa.

Le azioni di Erdogan potrebbero anche essere lette come un attacco al patriarca Bartolomeo, che ha sostenuto Fethullah Gulen nel fallito colpo di stato del 2016.

La politica di trasformare queste chiese/musei di una volta in moschee è in atto da diversi anni in Turchia. Ad esempio, nei primi anni del 2010 anche i musei situati all’interno delle mura delle antiche chiese bizantine di Trabzon e Iznik sono stati trasformati in moschee dalle autorità turche. Poi, nel 2017, sono stati sequestrati i beni appartenenti alla chiesa siriaca.

Con la conversione del Museo Chora in moschea, è ancora una volta evidente il crescente sostegno delle autorità al potere e all’islamizzazione.

Forse quest’ultima conversione è avvenuta perché quando il Museo di Santa Sofia è stato convertito in moschea, le autorità turche si aspettavano una risposta internazionale più dura, ma quando questa non è stata imminente i turchi sono stati incoraggiati a fare un ulteriore passo avanti.

Mentre convertire il Museo di Santa Sofia in una moschea è stato per lungo tempo uno degli obiettivi principali delle autorità turche, la conversione del Monastero Chora suggerisce che l’islamizzazione in Turchia sta guadagnando slancio e sta ottenendo anche il sostegno di Erdogan e del partito al governo.

Ora tutti i santuari cristiani bizantini trasformati in musei rischiano di essere trasformati in moschee perché la decisione del Consiglio di Stato turco su Hagia Sophia e Chora apre di fatto la strada a quel processo. E certamente secondo le leggi nazionali, la Turchia sostiene di non fare nulla di illegale, quindi chi lo fermerà?

Stando così le cose, è probabile che le autorità turche rivolgeranno la loro attenzione ad altre ex chiese e avvieranno nel prossimo futuro il processo per convertirle anche in moschee.

Una volta che ciò accadrà, la minoranza cristiana già emarginata e in declino potrebbe presto decidere di lasciare definitivamente la Turchia mentre Erdogan continua il suo sogno di guidare il mondo islamico e far rivivere l’Impero ottomano.

Leggi di più:  Una bimba che abbraccia tutti coloro che fanno la comunione