“Viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali”.

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

24/06/2020
✝ ATTI DEGLI APOSTOLI 13, 22-26

In quei giorni, [nella sinagoga di Antiòchia di Pisìdia,] Paolo diceva:

«Dio suscitò per i nostri padri Davide come re, al quale rese questa testimonianza: “Ho trovato Davide, figlio di Iesse, uomo secondo il mio cuore; egli adempirà tutti i miei voleri”.

Dalla discendenza di lui, secondo la promessa, Dio inviò, come salvatore per Israele, Gesù. Giovanni aveva preparato la sua venuta predicando un battesimo di conversione a tutto il popolo d’Israele.

Diceva Giovanni sul finire della sua missione: “Io non sono quello che voi pensate! Ma ecco, viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali”.

Fratelli, figli della stirpe di Abramo, e quanti fra voi siete timorati di Dio, a noi è stata mandata la parola di questa salvezza».

Parola di Dio

 🕯SCINTILLA DI LUCE
24/06/2020 Dagli Atti degli apostoli 13,22 -26

“Viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali”.

🔥Giovanni diceva ben chiaramente che non era lui il Messia, lui solo gli preparava la strada…sapeva di “non essere degno neanche di slacciare i sandali” al Vero Messia! La sua testimonianza ci viene resa nell’Antico Testamento, ma appartiene già al Nuovo Testamento. Giovanni è un grande Profeta! La Chiesa è un popolo di profeti! Dal Battesimo, acquisiamo il potere profetico di Cristo, che si concretizza nella capacità di saper leggere gli avvenimenti secondo il misterioso disegno di Dio, e di farli comprendere a chi ci sta accanto. Noi evangelizziamo, ma chi opera è la Grazia di Dio, è lo Spirito Santo! Noi facciamo del nostro meglio con le parole, ma occorre “un cuore aperto all’ascolto” della Grazia di Dio. Nell’esercizio della nostra professione, esercitiamo noi questo mandato che dal Battesimo abbiamo ricevuto?

Leggi di più:  "Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore"

La nostra professione, qualsiasi essa sia, non è solo un mezzo di sussistenza, ma, per come la vedo io e per come cerco di viverla, è anche un luogo…. uno spazio in cui, come Giovanni il Battista, possiamo rivelare il disegno di salvezza di Dio e dove possiamo aiutare, come ben faceva Giovanni, i fratelli bisognosi a ritrovare la via giusta da percorrere per raggiungere la Santità. Ingegneri, insegnanti, infermieri, politici…quanti fratelli conosciamo, nel nostro posto di lavoro, che non pregano, che non conoscono la Misericordia di Dio ed agiscono, quindi, come “figli del male” e non come “figli del bene”, non come Figli di Dio? Possiamo tacere? Vi sembra giusto tacere, permettendo che il male cresca nel mondo e che molti fratelli perdano l’opportunità di raggiungere la salvezza eterna?

Giovanni, con straordinario coraggio, preparava la strada a Gesù. Lui battezzava con acqua, ma Gesù agiva in Spirito Santo! La Parola di Gesù è ancora liberazione e salvezza. “Convertiamoci e crediamo al Vangelo”. Questa è la via che Giovanni ci ha indicato di seguire! Lui è profeta e testimone credibile… seguiamo il suo esempio!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteI messaggi di Gesù a Suor Josefa Menéndez e il Sacro Cuore di Gesù
Articolo successivoL’umanità al bivio: Medjugorje, nel tempo dell’impostura anticristica
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.