La ricetta per la gioia

La ricetta per la gioia

Ci è stato detto che, anche se la gioia non è un sentimento, si può sentire. La gioia è  una sensazione  perché è quel senso di appagamento e di felicità, sapendo che Dio ti ama incondizionatamente, e che il suo amore non avrà mai fine.

Tuttavia, ciò che molte persone non si rendono conto è che la gioia, naturalmente, abbonda quando sempre più persone conoscono Dio e sperimentano la sua bontà attraverso il lavoro espiatorio di Cristo sulla croce del Calvario.

La gioia che si manifesta

In Giovanni 15: 9-13, si legge il Signore Gesù Cristo che passa la sua gioiaa quelli che credono:

Come il Padre mi ha amato, così anch’io ho amato voi; dimorate nel mio amore.
10 Se osservate i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; com’io ho osservato i comandamenti del Padre mio, e dimoro nel suo amore.
11 Queste cose vi ho detto, affinché la mia allegrezza dimori in voi, e la vostra allegrezza sia resa completa.
12 Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi.
13 Nessuno ha amore più grande che quello di dar la sua vita per i suoi amici.

Da qui si legge ciò che richiede la gioia. In primo luogo, è necessario che riceviamo e rimaniamo nell’amore di Dio per mezzo di Gesù Cristo:

“Come il Padre ha amato me, anche io amato voi. Rimanete nel mio amore.”

In secondo luogo, si richiede che usciamo da noi stessi e mettiamo Dio e la sua volontà davanti a noi.

“Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore … Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi”

In terzo luogo, è necessario  vivere per uno scopo più grande di noi stessi:

Nessuno ha amore più grande che quello di dar la sua vita per i suoi amici.

Leggi di più:  I cristiani maroniti,160 anni fa furono massacrati dall'Impero Ottomano