Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo

27 LUGLIO 2021

MARTEDÌ DELLA XVII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

San Pantaleone, medico e martire

Mt 13,36-43

In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo».

Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

Commento:

Mettersi davanti alla propria fine è salutare e ci spinge a cercare la santificazione.

***

Nostro Signore spiega la parabola della zizzania nel campo. Resta palese che il Regno di Dio è il mondo intero, tutto sarebbe destinato ad appartenere al Signore. Tuttavia, anche il Maligno interviene perché vuole impossessarsene Lui.

Dio è paziente e concede del tempo finché non arriva l’ora della mietitura, cioè, la fine del mondo, quando ci sarà il premio per i buoni e il castigo per i cattivi.

In cosa consiste il premio? I giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Saranno pieni di quella luce meravigliosa proveniente da Dio, che inonderà le loro menti e i loro corpi, facendoli come altrettante stelle per la gloria dell’Altissimo.

Leggi di più:  «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra»

Il castigo, tuttavia, è proporzionale in senso negativo al premio. I figli del Maligno, quelli che vivono per i piaceri e per l’egoismo saranno gettati nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.

Allora possiamo capire quanto sia conveniente vivere fedeli alla legge di Dio, in obbedienza ai comandi del Vangelo, pur di poter scampare alla condanna e meritare il premio.