Differenza tra esorcismo e preghiera di liberazione

Foto di Mabel Amber da Pixabay

Capiamo bene la differenza tra la preghiera di liberazione e l’esorcismo perchè capendo bene cosa li differenzia, si potranno evitare spiacevoli episodi spirituali.

Cominciamo dalle preghiere che vengono usate negli esorcismi e che possono essere fatte solo ed esclusivamente dal sacerdote col mandato del Vescovo: l’esorcismo di Leone XIII sia in senso largo che in senso stretto; dare ordini diretti al demonio;

Mentre la preghiera di liberazione possono farla tutti i laici sia su se stessi che sugli altri con una netta differenza: se si fa su se stessi, si può anche recitare delle formule di comando che scacciano via lo spirito del male cosa che invece è severamente vietata se un laico lo fa su un altra persona.

Chiarito questo, possiamo anche dire che una preghiera di liberazione recitata con fede, potrebbe risultare molto più forte di un esorcismo fatto con poca fede. Questo dovrebbe incoraggiare tutti i gruppi di preghiera carismatici.

Bisogna però stare attenti alle preghiere di liberazione che a volte si trovano su internet, poichè a volte c’è un miscuglio tra esoterismo, magia, esorcismo e formule di liberazione. Per cui bisogna discernere bene il testo e le parole dello scritto.

Bisogna anche chiarire e accerttarsi bene, quando si prende parte ad una messa o ad un incontro  di guarigione e liberazione … che durante la messa e il momento di preghiera, non vengano inserite preghiere di esorcismo.

Un consiglio che i sacerdoti esorcisti danno ai gruppi di preghiera carismatici è di evitare di fare attività che facciano pensare a chi è debole spiritualmente che quella preghiera è come una forma di magia. Bisogna far capire che è lo Spirito Santo che agisce in ognuno di noi.

Leggi di più:  Ecco il primo satanista della storia e lo svolgimento di una messa nera

Capendo tutte queste accortezze e mettendole in pratica, saremo sempre preservati da ogni forma di male e vigilanti su ogni tipo d’incontro a cui si decide di prendere parte.

Rita Sberna