Gli incontri di una bambina con la Madonna, prima di morire

Foto di Blumeline da Pixabay

La storia di Sara Mariucci

 Monsignor Mario Ceccobelli, vescovo emerito di Gubbio, è stato incaricato a raccogliere tutti gli elementi, testimonianze e dati che riguardano il caso della piccola Sara Mariucci.

Il padre francescano eremita Francesco Ferrari è l’uomo chiave dell’indagine che riguarda i fatti straordinari della bambina morta a 3 anni e 7 mesi, a causa di una scarica elettrica mentre si trovava al mare con i genitori.

Per molti anni il padre francescano, ha studiato il caso raccogliendo un dossier molto ampio di dettagli.

Il caso della piccola Sara, è seguito con molta attenzione dalla diocesi di Gubbio e non solo. Questa storia raccoglie molti elementi di misticismo. Padre Francesco ne parla in un piccolo volume “Storia di Sara”.

Sara nasce il 31 dicembre 2002 a Gubbio, figlia secondogenita di Michele Mariucci e Anna Armentano, gli eventi che riguardano la sua storia si svolgono nell’arco di un breve tempo: dal luglio 2006 all’agosto 2006.

Nel luglio 2006, la piccola Sara incontra la Madonna, la bimba raccontò tutto alla madre, la sera del 4 agosto alle ore 21.

La famiglia Mariucci il 4 agosto era ospite di Rosa (sorella di Anna) a Francavilla Marittima, provincia di Cosenza per trascorrere le vacanze estive, come era solito fare tutti gli anni.

Questi sono i racconti di mamma Anna: «Eravamo abbracciate e io la coccolavo un po’. Fuori c’era aria di tempesta e il cielo era squarciato da grossi lampi seguiti da fragorosi tuoni. Mentre la tenevo tra le braccia, Sara mi disse: – Mamma, mi racconti una storia?».

La donna rispose così: «Amore, siamo state tutt’oggi al mare, la mamma è stanca, te la racconta domani. Ora dormiamo». Subito dopo le diede un bacio e sentendo silenzio, pensava che Sara si fosse addormentata e invece sentì subito dalla sua voce il seguente racconto:

Leggi di più:  "A Medjugorje mi sono reso conto che il male esiste"

– Quando ero piccola piccola ero in un posto lontano lontano, meraviglioso, su una nuvoletta.

– E con chi eri?

– Con Mamma Morena.

– E chi è Mamma Morena?

– È l’altra mia Mamma.

– L’altra tua mamma? Com’è questa Mamma Morena?

– È buonissima.

– Più buona di mamma Anna?

– Sì.

– Davvero, sei sicura?

– Sì.

– E di che colore ha i capelli?

– Blu.

– E gli occhi?

– Castani come i miei.

– E tu lasceresti mamma Anna per andare con Mamma Morena?

– Sì. – Rispose con un sorriso che le illuminò il viso, lasciandomi senza parole.

– Dormiamo ora… buonanotte – le sussurrai.

Anna turbata dal racconto, andò a riferire tutto al marito e alla sorella Rosa.

Anna ci tiene a sottolineare che non c’era nessun parente o amica che si chiamasse con quel nome e così anche il 5 agosto, quando nuovamente si ritrovarono tutti insieme in spiaggia al villaggio “Stella Maris”, la piccola Sara nominò nuovamente mamma Morena:

Io le dissi: – Sara, non stare seduta sulla sabbia, su, che ti debbo mettere il costumino.

Lei mi rispose: – Mamma Morena non mi sgrida.

Poco dopo, si trovavano al tavolo di un bar tutta la famiglia e la bimba si era spostata andando verso le motociclette per i bambini poste su una pedana metallica, le moto ebbero un corto circuito e la bimba trovandosi sulla pedana venne fulminata, furono inutili i soccorsi.

I funerali si svolsero il 7 agosto alla chiesa di San Martino in Colle a Gubbio.

L’8 agosto, il padre della bimba Michele, decise di fare delle ricerche su internet per vedere se esisteva “mamma Morena” e con grande stupore trovò che in Bolivia, a Capocabana, esiste un santuario dedicato alla Madonna Morena, che si festeggia il 5 agosto, il giorno in cui la piccola confessò alla madre di aver incontrato Mamma Morena.

Leggi di più:  Bellissima preghiera che cambia la vita a chi la recita con fede

Nel settembre 2006, Michele, Anna e Rosa decidono di andare in pellegrinaggio in Bolivia.

Dopo la morte di Sara, molte sono le persone che testimoniano di avere ricevuto un miracolo e una guarigione pregando sulla tomba della bambina. Il caso di Sara adesso è nelle mani del nuovo vescovo di Gubbio monsignore Luciano Paolucci Bedini.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna