«Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?»

20 OTTOBRE 2021

MERCOLEDÌ DELLA XXIX SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

Santa Maria Bertilla Boscardin, Vergine

Lc 12,39-48

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».

Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.

Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.

Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.

A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Commento:

Nostro Signore ci parla oggi della responsabilità dei pastori, in modo evidente dei papi. Ma anche di ognuno di noi, servi.

***

Il discorso di Gesù incomincia partendo dalla virtù, tanto apprezzata, della vigilanza: “Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo”. San Pietro però, sempre interessato agli altri, domanda al Signore se quel messaggio divino è solo per loro o lo è piuttosto per tutti. Nostro Signore risponde in obliquo, lasciando capire che esistevano altre esigenze aldilà di quelle della vigilanza.

Leggi di più:  Io sono la vite, voi i tralci

Si tratta dello zelo pastorale, virtù che deve caratterizzare il Papa e i Vescovi in modo evidentissimo , ma anche i presbiteri, soprattutto quelli che hanno la cura pastorale in favore delle anime. La virtù dello zelo si caratterizza per la dimenticanza di se stessi e la capacità di sacrificarsi per gli altri, perciò Gesù sottolinea che sarà beato il servo che, quando il padrone arriverà, sarà trovato a dare la razione di cibo a tempo debito. La metafora del cibo ingloba sia la mensa della Parola che l’altare del Santo Sacrificio e i sacramenti che ne dispongono alla perfetta ricezione, come la confessione. Questo è il mestiere principale del Pastore: dare la razione di cibo a tempo debito.

Tuttavia, per quelli che pensano più a se stessi che al gregge, e trascurano o addirittura utilizzano il loro potere per distruggere il gregge con la falsa dottrina e i cattivi esempi: “li dividerà a metà e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli”. Ossia avranno il dramma eterno, l’inferno.

Poi parla dei semplici servi e i conti che saranno loro chiesti in dipendenza della loro scienza: “A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più”.  Ecco la responsabilità di ognuno dei battezzati! Abbiamo ricevuto con questo sacramento la grazia santificante e quindi, la figliolanza divina, l’appartenenza come membra vive al Corpo Mistico di Cristo! Quale non è la nostra responsabilità.

Preghiamo la Santissima Vergine affinché ci guidi per la strada della santificazione, non preponendo alcuna creatura all’amore del suo Figlio Gesù.