All’età di 11 anni, Madre Angelica fu salvata dal suo angelo custode

foto da pixabay

Madre Angelica è morta nel 2016, fu la fondatrice della tv cattolica americana EWTN.

 Madre Angelica, nome originario Rita Antonietta Rizzo, è nata nel 1923, ed è morta nel 2016. E’ stata la fondatrice del Santuario del Santissimo Sacramento ad Hanceville (Alabama), ha ideato la prima e principale catena di televisione cattolica via cavo nel mondo, Eternal Word Television Network (EWTN) e della stazione radiofonica WEWN.

Madre Angelica, quando ancora era in vita raccontò un episodio che riguarda la sua infanzia, aveva soltanto 11 anni quando il suo angelo custode la salvò la vita da morte certa: «Mai dimenticherò un incidente che ebbe luogo quando avevo dieci-undici anni. Vivevo ancora a Canton, nell’Ohio, e con il sole già al tramonto andai nella piazza principale per svolgere alcune commissioni per mia madre. Mentre attraversavo tranquillamente la strada, sentii d’improvviso alcune persone strillare, e girando la testa vidi dei fari che mi si avvicinavano. Restai per un attimo accecata, e allora sentii due mani che mi afferravano, aiutandomi a saltare sul cancello di un parcheggio. Quella macchina aveva passato un semaforo col rosso e proseguiva a tutta velocità. A poco a poco cominciai a capire ciò che era successo».

L’intervento dell’angelo sotto gli occhi dei testimoni

La suora prosegue il racconto dicendo: Si avvicinò un sacco di gente, e domandò a Rita «come avevo fatto a saltare sulla cancellata. Non ne avevo la più pallida idea. Quando arrivai a casa mia madre era pallida e tremante. Aveva sentito che ero in pericolo e si era messa in ginocchio a pregare Dio che mi salvasse la vita. Era chiaro che fosse precisamente ciò che Dio aveva ordinato al mio angelo di fare. Mai dimenticherò la stana sensazione di essere elevata, letteralmente sollevata, da due mani che mi aiutarono ad afferrare la cancellata. Da allora ho conservato un rapporto molto intimo con il mio angelo».

L’amico Fidelis

Leggi di più:  La condanna dell'omosessualità nel pensiero dei Santi di Carlo Di Pietro da Pontifex 24.10.2010

Il suo angelo custode, Madre Angelica amava chiamarlo col nome di Fidelis, che in latino significa Fedele. Dell’angelo custode, ella diceva: “L’angelo è un nostro amico inseparabile. Se sei uno studente, chiedigli di aiutarti a concentrarti nel tuo prossimi esame. Se sei un rappresentante commerciale, chiedigli aiuto prima di visitare il tuo prossimo importante cliente. Se sei padre, domanda all’angelo custode dei tuoi figli che li protegga nella loro vita quotidiana. Se alcune volte ti senti solo, ricorda l’amico che Dio ti ha dato. E’ con te sempre. Non sei mai solo”.

La suora amava ricordare sempre a tutti: “Hai un angelo custode con milioni di angeli che pregano per te, e un angelo custode che si occupa in particolar modo di te, non devi mai aver paura”.