Alcuni chiarimenti sull’Esorcismo e su chi può praticarlo

Alcuni chiarimenti sull'Esorcismo e su chi può praticarlo

#Divulgate più che potete!

Prima di addentrarci nell’argomento molto delicato e importante, dobbiamo capire che cos’è un rituale e come nasce.

Il rituale nasce nella chiesa cattolica per leggere oggettivamente la realtà e per rispondere non al soggetto (alla persona) ma all’oggetto.

L’aspetto antropoligco ha bisogno necessariamente dell’aspetto teologico infatti il rituale nasce dalla lettura teologica.

Come si fa a testimoniare che un maleficio esiste?

La risposta è molto semplice. L’esistenza dei malefici, delle fatture è espressamente iscritta nel “Rituale Romano” al n°8, un libro ufficiale della Santa Chiesa cattolica per cui, la chiesa espressamente ha dichiarato che i malefici esistono e da una guida su come poterli togliere.

Non solo: nel rituale romano al N°3 si parla proprio di possessioni e sintomi delle persone possedute.

Chi può usare il rituale?

Il rituale può usarlo esclusivamente il presbitero (sacerdote) autorizzato dal Vescovo. Se anche un sacerdote essendo tale, non fosse autorizzato dal vescovo non può usare il rituale e quindi non può praticare esorcismi.

In Italia vi è un enorme problema, gli esorcisti in tutta la nazione sono circa 250 (pochissimi).

Qualche tempo fa, sono stati divulgati 2500 copie di rituali sull’esorcismo nel giro di 2 mesi. Ma questo com’è possibile? Chi ha comprato questi rituali?

Semplice: sono stati acquistati da laici curiosoni e da sette sataniche!

L’uso degli esorcismi da parte dei laici è una questione appurata ed è un problema enorme da non sottovalutare.

Cominciamo col dire chiaramente che l’esorcismo di Papa Leone XIII non può essere usato dai laici perchè è un comando diretto al demonio e nessun laico può comandare nulla al demonio proprio perchè non ha il mandato e non è un presbitero.

Molti laici mascherano preghiere di liberazione, con formule e frasi prese dal rituale degli esorcismi, per cui bisogna fare ATTENZIONE!!!!!!!