« Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?»

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

19 GENNAIO 2021

MARTEDÌ DELLA II SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

Santi Mario, Marta, Abaco e Audiface, Martiri a Roma

Mc 2,23-28

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe.

 I farisei gli dicevano: « Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni?».

 E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».

Commento:

La legislazione sulle attività da evitarsi in giorno di sabato era stata in larga misura inventata dai farisei, seguendo criteri umani. Il Signore vuole liberare il Popolo di Israele dal giogo dell’ipocrisia. Anche a noi vuole liberarcene oggi!

***

I farisei si scandalizzano per un’azione onesta, quindi, si scandalizzano falsamente. Infatti l’espressione “scandalo farisaico” era molto usata nei corsi di morale per catalogare l’atteggiamento di chi si scandalizza per un’azione in sé buona o indifferente. In questo caso la malizia risiede nel giudizio di chi grida allo scandalo e non nell’azione compiuta. È il caso narrato nel brano odierno.

Gesù risponde con una sicurezza da lasciare sconcertati i suoi avversari. Infatti, l’argomento biblico adoperato è incontestabile. L’obiezione, tuttavia, dà occasione a Gesù di proclamarsi Signore del sabato, il che significava nientemeno che dichiararsi Dio. E i farisei tacquero!

Leggi di più:  "Ma si versa vino nuovo in otri nuovi, e così l'uno e gli altri si conservano"

Bisogna restare attenti per discernere quale sia oggi il fermento dei moderni farisei. Loro attaccano chi segue il Vangelo e agisce con libertà di spirito, sotto la guida di Colui che è Signore del sabato. Ai farisei moderni non disturbano tanto la disubbidienza alle regole religiose, ma alle convenzioni mondane. I cristiani dovrebbero inserirsi nelle società piegandosi al politicamente corretto senza farne polemiche per questioni spirituali.

Ci liberi il Signore dai neo-farisei, sia Lui il difensore dei cattolici semplici e ferventi, che vogliono vedere Gesù regnare sulla Chiesa e il mondo.