“Il figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 26/09/2020
✝VANGELO LUCA 9,43b-45

In quel giorno, mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini». Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
26/09/2020 Luca 9,43 b-45

“Il figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini. Essi però non capivano…”.

🔥Io credo che ancora oggi qualcuno non ha ancora capito il senso di queste Parole che Gesù disse ai suoi discepoli. Gesù, elevato da terra, con la crocifissione e la Risurrezione, attira tutti a sé, ma non tutti però vanno da Gesù, quindi non tutti riescono a cogliere l’Amore del Padre. Fin quando non accogliamo Gesù e fin quando non comprendiamo il perché di questo estremo gesto di Amore del Padre verso di noi, la Crocifissione rimarrà un Mistero, che se lo rifiutiamo “non ci può salvare”.

Apriamo invece il cuore e la mente a questo Mistero di salvezza INVOCANDO lo Spirito Santo. Cerchiamo di capirlo: Gesù vuol salvarci, non confonderci! Sia il Padre che il Figlio sapevano che Gesù “sarebbe stato consegnato nelle mani degli uomini”, ma l’hanno permesso per Amore. Il sacrificio di Gesù serve a liberarci dalla nostra umanità immersa nel peccato! L’ Agnello immolato è Risorto, Gesù “perde” la Sua vita per riprenderla in una Nuova realtà che ci salva! Gesù vuole che tutti viviamo in Lui Risorto! Ci attira a sé perché tutti, accogliendo il Suo Regno e vivendo le Sue Parole, partecipiamo alla vita Divina. Questa unione con Cristo, morto e risorto, dà senso alla nostra vita e distrugge ogni “non-senso”, ogni “vanità delle vanità”. In essa tutto si rigenera, rivive! Il corpo, adagio adagio decade, lo vediamo…così pure vediamo sfuggirci tutte le realtà limitate, tutte decadono….ciò che rinnova sempre la nostra vita è la vita dello Spirito!

Leggi di più:  "Ti faranno guerra, ma non ti vinceranno, perché io sono con te per salvarti"

Invochiamo lo Spirito Santo e capiremo che con la morte non finisce tutto….capiremo che con la morte di Cristo non finisce tutto, in Lui tutto continua a vivere, tranne il male, tranne il peccato che Gesù ha vinto, distrutto in croce. Questa è la grande vittoria per cui ringraziare infinitamente Dio! Non allontaniamoci MAI da Gesù, non è un perdente. Un solo uomo si è lasciato morire tra le mani degli uomini per salvare tutti gli uomini! Altro che perdente! Lui è il nostro Salvatore, l’abbiamo capito?Non deprimiamoci più per tutte le avversità che viviamo quotidianamente… in Cristo risorgiamo sempre!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteIl Credo della Famiglia: UNA…
Articolo successivoChiese in “lockdown”: c’è chi dice no
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.