Il pianto di una nascita: è il mio

Maria, Madre di Dio, mi puoi fare da madre?

Tu che hai assistito alla mia nascita, raccogli tutte le lacrime che ho versato nella vita quando soffrivo perché ero costretto a partorirmi di nuovo, e illuminale con un “senso”.

Guarisci la mia anima sfiorata dai sensi di colpa per gli errori fatti nel passato e fammi toccare il cielo con il perdono dato a me stesso.

Ora (propria ora, ne ieri e né domani; ora!) coprimi con il manto protettivo del tuo amore ed io, per fede, chiuderò gli occhi e mi riposerò dalle paure del futuro.

Prendi la contentezza per ciò che di buono ho fatto e riempila di gratitudine verso Dio, Vasaio ispiratore di ogni piccolo vaso modellato sulla terra.

Afferra tutte le amiche e gli amici sinceri che hanno colorato di speranza i tunnel bui che ho dovuto attraversare, ed abbracciali tutti, uno ad uno, rendendo loro il centuplo di ciò che hanno dato a me.

Ed infine carissima Madre,nell’attesa di sapere “perché” io sono venuto al mondo, mi puoi abbracciare forte, stringermi fino a farmi mancare il respiro e dirmi sottovoce in un orecchio: “Perché Dio ti ha amato da sempre!”
Se me lo dici tu, io ci credo!

Dal Web

Leggi di più:  La terza parte del Segreto di Fatima (Tratto dal testo originale)