Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

12 MAGGIO 2021

MERCOLEDÌ DELLA VI SETTIMANA DI PASQUA

Santi Nereo e Achilleo, Martiri

Gv 16,12-15

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.

Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.

Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Commento:

Continuiamo con gli annunci di lieto auspicio dell’invio dello Spirito Santo. E noi? Ci prepariamo a riceverlo?

***

Nostro Signore annuncia agli Apostoli, futuri maestri infallibili di verità, che l’opera della loro istruzione sarà finita dallo Spirito Santo, perché “per il momento non siete capaci di portarne il peso”. Solo la Pentecoste avrebbe finalmente aperto completamente gli occhi dei discepoli alle verità fondamentali della fede, affinché queste fossero da loro annunciate con efficacia e sicurezza.

Perciò Gesù lo chiama “Spirito della verità”, cioè Colui che guida alla verità tutt’intera. E non solo, “vi annuncerà le cose future”: ecco inaugurato il profetismo del Nuovo Testamento, che dura lungo i secoli.

Ma lo Spirito Santo, terza Persona della Santissima Trinità, “non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito”. Infatti, essendo lo Spirito Santo il terzo per processione, tutto quello che ha, gli viene dalle altre due persone nel loro eterno e continuo mutuo atto di amore. Perciò glorificherà Gesù, prendendo quello che è suo, perché tutto gli viene dal Padre e da Lui, e lo annuncerà alla Chiesa.

Leggi di più:  "Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore produce molto frutto"

Ecco, in tratti sintetici un piccolo trattato della Trinità. Tutte le persone sono diverse per la relazione e per l’ordine della generazione e della processione, ma sono essenzialmente identiche, hanno in comune intelligenza e volontà, realizzando un perfetto “trino”.

Chiediamo alla Santissima Vergine Maria, Figlia diletta del Padre, Madre ammirabile del Figlio, e Sposa fedelissima dello Spirito Santo, che interceda affinché la Terza Persona, l’amore sostanziale del Padre e del Figlio, sia inviata anche nei nostri cuori, affinché ci insegni la verità tutt’intera in questi tempi di relativismo e di eresia, facendoci fedeli, fino all’estremo, alla verità cattolica che è la luce del mondo.