«Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno»

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

05 APRILE 2021

LUNEDÌ FRA L’OTTAVA DI PASQUA

San Vincenzo Ferreri, Sacerdote

Mt 28,8-15

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi.

Commento:

Mentre le donne erano in cammino per annunciare la Verità, i figli delle tenebre complottavano per diffondere la calunnia. Ma alla fine, la Verità vince sempre!

***

Piene di timore e grande gioia – sentimenti apparentemente contrastanti che tuttavia vanno bene insieme quando si ricevono autentiche manifestazioni divine – le donne corsero per portare il lieto annunzio agli Apostoli. Gesù volle però sorprenderle e apparve loro affinché lo potessero adorare, baciandogli i piedi.

È la gioia del trionfo della verità, che inonda i cuori delle pie donne. Esse, piene di carità, si erano recate al sepolcro per onorare il corpo di un defunto, e in premio, trovarono il Vivente! La notte era passata, spuntava il sole di un giorno che non sarebbe finito mai più, quello della Risurrezione.

Leggi di più:  "Così anche il Figlio dell'uomo dovrà soffrire per opera loro"

D’altra parte, cogliamo lo sconforto, la paura e la falsità dei capi del popolo. Appena sanno della loro sconfitta, invece che convertirsi, cercano di spegnere la verità con la calunnia! I loro soldi e le loro menzogne, comunque, non sono riusciti in venti secoli di Storia a diminuire il bagliore splendente della luce del mattino di Pasqua. Gesù trionfa sempre malgrado i suoi nemici.

Così accade nei nostri tempi bui. L’inverno sembra sempre più freddo ed ostile, e, invece, mai siamo stati tanto vicini alla primavera del bene. Abbiamo coraggio e fiducia, come ebbe la Madre del Redentore, e crediamo insieme a Lei che la verità vince sempre, vince con gloria, vince con potere irresistibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.