Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura

16 MAGGIO 2021 DOMENICA

ASCENSIONE DEL SIGNORE – ANNO B

Mc 16,15-20

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».

Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.

Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

Commento:

Il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano, ecco il segreto dell’espansione della Chiesa.

***

Com’è possibile spiegare che, sottomessa a terribili minacce ed altrettante spaventose e crudeli persecuzioni, la Chiesa sia riuscita a espandersi in modo talmente sorprendente nell’impero romano? Ricordiamo che dopo Costantino, in un modo o in un altro, l’impero incomincia a diventare cristiano!

Il segreto è semplice. Gesù agiva insieme ai discepoli e confermava la loro parola con segni. Ecco il segreto dell’efficacia della Chiesa. Perciò ci sono tanti frutti quando Ella percorre tutto il mondo e proclama il Vangelo ad ogni creatura.

Fa parte della natura della Chiesa l’essere missionaria e lanciare il seme dell’annuncio a tutti gli uomini in tutte le parti del mondo. Nostro Signore lo ha comandato ed è un qualcosa di molto serio: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato”.

Leggi di più:  Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me;

Infatti, non voler parlare, annunciare, dire, sarebbe proprio un grosso peccato. E chi rinuncia all’annuncio non merita di essere chiamato discepolo di Gesù.