“Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

Sabato della XXX settimana del T. O.

31 ottobre, san Quintino di Vermand

Lc 14, 1.7-11

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

COMMENTO

Il Signore, mediante un esempio eloquente e persuasivo, ci fa gustare oggi la bellezza dell’umiltà, virtù alla base delle regole più elementari di educazione che ornavano la società nei tempi luminosi della Civiltà Cristiana… e perché no anche oggi?

***

Nostro Signore è, come ben disse di Se stesso, mite e umile di Cuore, e, proprio per questo motivo, detesta le opere della superbia. Così, trovatosi a pranzo con dei farisei, non può ignorare che gli invitati, spudoratamente, si scelgono i primi posti. Tale mancanza di civiltà era dovuta senz’altro alla superbia, cioè, a quella sete smisurata di affermazione della propria eccellenza, sia essa reale o, come succede il più delle volte, immaginaria.

Gesù, senza perdere un secondo, prende la parola e fustiga l’errore usando un esempio che sarà, successivamente, alla base di tutte le regole di cortesia che dovranno segnare i secoli della Cristianità: “quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: Amico vieni più avanti. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali”.

Leggi di più:  “Temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui”

Al giorno d’oggi questa norma di buon comportamento sociale, come tante altre analoghe, si è persa in un ambiente che diventa sempre più volgare, rozzo e incivile. Come fare per portare una generazione deformata dalla cultura hippy e punk a riscoprire la bellezza della gentilezza cristiana? Niente di più semplice: bisogna condurla a scoprire il fulgore dell’umiltà! “Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato”, ecco la più perfetta scuola di gentlemans e ladys!

Infatti, dal Vangelo scaturiscono, come acque pure, tutta la raffinatezza, la nobiltà e la cultura veramente desiderabili. Tolto il Vangelo, cosa resta? Guardiamoci intorno e costatiamo il fallimento!

Coltiviamo l’umiltà, adottiamo gli insegnamenti di Gesù Cristo come regola di vita, e vedremo rinascere, come nuova primavera, un’era di squisita levatura spirituale e sociale. Perché non provare? Ciascuno lo faccia a livello personale. Poi, chi può e deve lo faccia a livello familiare, lavorativo, civile, e così via. In questo modo, il Cuore di Gesù, mite e umile, trasfigurerà alla sua luce ineffabile l’intera nostra vita e regnerà effettivamente su noi e sulla nostra società.