Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada

12 LUGLIO 2021

LUNEDÌ DELLA XV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

Santi Ermagora e Fortunato di Aquileia, martiri

Mt 10,34-11.1

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:

«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.

Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.

Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.

Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.

Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.

Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Commento:

Amare Gesù come Lui vuol essere amato, non è un compito facile.

***

Il Signore predilige la gente guerriera, perciò parla ai suoi discepoli di spada. Oggi il brano è, per così dire, sanguinante perché esige dal credente un totale distacco da tutto e da tutti pur di non preporre niente all’unico amore, che dev’essere appunto quello verso Gesù.

Leggi di più:  Chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato

L’amore richiesto da noi fedeli cattolici è totale, radicale e sacrificale.

Totale perché amiamo solo Gesù e gli altri solo per Gesù. Niente di affezioni puramente umane che possano impedire od ostacolare la nostra vocazione alla totalità. Per Dio o tutto o tutto, non c’è altra alternativa.

Radicale perché scaturisce dal profondo del cuore, da quella fede che ci fa accogliere il Signore come il TUTTO della nostra vita, niente al di sopra di Lui, niente al di fuori di Lui. È un amore radicale perché sprofonda nel più intimo del nostro cuore, e lo coinvolge completamente.

Sacrificale perché esige la “morte” degli amori umani frutto di un attaccamento sentimentale, romantico o familiare. Tutti i lacci di amicizia devono essere rivisti e riformulati in vista di Gesù. O amo gli altri per Gesù e dunque tanto quanto li possa portare verso Gesù, o allora, l’amore esclusivamente umano sarà di impiccio perché il mio amore per il Signore sia totale e radicale. Dunque, qua c’entra la spada: bisogna tagliare.

“Chi ama il padre o la madre più di me, non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me, non è degno di me”.

Ma non solo, bisogna tagliare anche l’amore disordinato verso noi stessi. Siamo sempre scaltri e vogliamo sfuggire le cose spiacevoli per accontentare il nostro appetito di comodità, di piacere, di fama. Perciò Gesù taglia corto ancora: “chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà”.

Leggi di più:  «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto»

Questo brano mette alla prova l’autenticità del nostro cristianesimo. Se nel leggerlo e nel meditarlo troviamo stimolo e conforto, siamo sulla buona strada. Se percepiamo in noi l’accendersi del dubbio e di una subdola antipatia, attenzione. Possiamo stare sbagliando grosso, senza rendercene conto. Forse abbiamo per Gesù un amore superficiale, sentimentale, interessato, ma non vero.

Sia il nostro amore verso il Signore totale, radicale e sacrificale, come, d’altronde, è stato il suo amore per noi. Imitiamo Lui e imitiamo Maria Santissima, che lo seguì per la via della Croce per la nostra salvezza.