Presentazione del libro “Inferno, la tragica scelta”

Il 10 novembre alle ore 18 presso la Sala UNAR Roma, la presentazione del libro di Rita Sberna “Inferno, la tragica scelta” edizioni Segno

Dopo varie presentazioni on-line (dovute alle restrizioni Covid- 19) finalmente la prima presentazione “in presenza” del libro di Rita Sberna per l’edizione Segno “Inferno, la tragica scelta” con la prefazione di mons. Giovanni D’Ercole presso la Sala UNAR alle ore 18 a Roma, in via Ulisse Aldrovandi, 16/B ingresso con ascensore.

L’ingresso è libero ma ci sarà l’obbligo di prenotazione del posto (per via del distanziamento dovuto alle norme anti-covid) con obbligo di green pass all’entrata.

A moderare l’evento sarà il giornalista della redazione di Aleteia, Gelsomino Del Guercio, i relatori sono: don Paolo Morocutti (sacerdote esorcista), il prof. Giuseppe Noia (Membro del Pontificio Consiglio per i Laici) e l’attrice Ilaria Spada, con la partecipazione dell’autrice.

Il Libro

Il tema del male sembra essere ancora oggi un tabù, un argomento “medievale” per storielle di fantasia. Il Vangelo, il Catechismo della Chiesa Cattolica, le apparizioni mariane nel mondo e la vita dei santi ci insegnano che il demonio e l’inferno non sono una fantasia ma una realtà documentata e testimoniata sin dall’inizio della creazione.

L’esperienze personali delle persone che hanno combattuto contro il maligno, danno un tocco in più a queste pagine che sono frutto di una ricerca accurata e attenta sull’argomento.

L’autrice, in questo libro, oltre a raccontare esperienze di diverse persone, ha pubblicato anche un’intervista fatta al grande esorcista don Gabriele Amorth, il quale affronta la triste realtà della magia sotto tutte le sue sfaccettature.

Per prenotare il proprio posto, basta mandare un messaggio whatsapp al seguente numero: 349.5487626

Leggi di più:  Salvatore Stornello “Vi racconto la mia disabilità che va oltre le faglie del dolore”

“Il tema del male, del demonio, e tutto quel mondo che lo avvolge, continua ad attrarre interesse e suscita domande, come pure mette inquietudine e apprensione. E’ interessante che sono attratti da questi argomenti molte persone, tra cui non pochi giovani, spaventati e curiosi al tempo stesso. Conoscere il mondo dell’occultismo e in particolare degli esorcismi non è facile perché circolano in proposito svariate notizie e versioni arricchite da fantasmi o infiacchite da scetticismo che mira a negare l’azione e persino l’esistenza del demonio. Quando ad affermare che il diavolo non esiste sono teologi e personaggi importanti nella Chiesa, se la comunicazione non è capace di fare necessari “distinguo” su tali affermazioni, l’effetto che si crea è una pericolosa confusione con il rischio della perdita di saldi punti di riferimento. Mi colpisce che l’autore di questo libretto non sia un prete, né un teologo, bensì una giovane giornalista, una mamma di famiglia che attraverso la sua esperienza anche personale ha maturato il bisogno di trasmettere agli altri un messaggio di verità e di speranza. Ed è proprio per tale ragione che ho accettato di proporre una breve presentazione. La sua non è la pretesa di imbastire un trattato di teologia né un testo narrativo per suscitare curiosità e sensazionalismi. L’autrice avverte il bisogno, ancora una volta, di fare un po’ di chiarezza su questo mondo sfruttato in mille salse differenti”

 (tratto dalla prefazione di Mons. Giovanni D’Ercole)