“Vegliate in ogni momento pregando”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

Sabato della XXXIV settimana del T. O.

28 novembre, san Giacomo della Marca

Lc 21, 34-36

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.
Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Parola del Signore

COMMENTO

L’appello alla vigilanza e al fervore, fuggendo i peccati che appesantiscono lo spirito, è il nocciolo del brano odierno, che ci interpella personalmente.

***

Il Signore ci mette in guardia contro le dissipazioni, le ubriachezze e gli affanni della vita. Studiamoli uno ad uno.

La dissipazione è il vivere senza scopo spirituale, inseguendo le creature come se fossero fini a se stesse. Dissipati sono coloro che mettono la conservazione della propria vita, la salute, la sicurezza, in cima a tutti i beni, dimenticando stupidamente la caducità della vita e l’assoluta preminenza della vita eterna, che è appunto la mèta da raggiungere assolutamente!

L’ubriachezza è una sorta di concessione senza freni alla bramosia dei piaceri, siano essi della carne che del palato. Darsi alla lussuria e alla gola è ridursi a meno che animali, quando invece l’uomo ha una vocazione altissima: diventare come gli angeli del cielo! Molti dei peccati che il Signore sintetizza nell’ubriachezza sono promossi dalla cultura moderna senza nessun pudore. E le generazioni che si susseguono si abituano sempre più a vivere il libertinaggio al posto della libertà, diventando schiavi delle passioni.

Leggi di più:  Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte

Gli affanni della vita sono causati dall’eccessiva preoccupazione per il giorno di domani. I soldi, il lavoro, i mezzi economici… Il “dio” denaro! Non si può servire due padroni, bisogna lavorare con onestà e professionalità, e poi affidarsi al Signore che si prende cura di noi!

Tutti e tre i vizi appesantiscono il cuore, cioè, gli impediscono di volare negli orizzonti della fede, e facendo così rendono le persone cieche e sorde ai segni dei tempi. Non succede così a chi ama veramente Dio e, di conseguenza, mette in pratica i suoi comandamenti. La vigilanza lo accompagna sempre, come l’amica più fidata, che lo libererà nel giorno dell’ira: “Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo”.

La Vergine Prudentissima mantenga in noi accesa la fiamma dello zelo per la gloria di Dio e l’impegno per la salvezza delle anime affinché, liberi dalla dissipazione, dalla ubriachezza, e dall’avidità, possiamo raggiungere il Cielo vittoriosi su tanti nemici che ci circondano.