5 consigli di Padre Gasparino sulla preghiera

Foto di Free-Photos da Pixabay

Consigli di Padre Gasparino Sul Podbrdo (collina delle apparizioni): “La preghiera è la porta per cui passa lo Spirito. Lo Spirito entra in azione dove c’è la preghiera

Sul modo di pregare: “La preghiera comincia dopo la preghiera!”

1. Per combattere la preghiera distratta, bisogna fermarsi e lasciarsi guardare dal Signore.
2. Occorre la preghiera del cuore, non quella verbosa che è rovina della preghiera ed è inutile. Occorre rimanere in silenzio finche Gesù non ci parli. C’è chi dice un Padre nostro in un ora. Bisogna lasciar tempo alla preghiera. Pregare dicendo: Gesù ti amo, e questo gridarlo a gran voce.
3. La preghiera incomincia dopo la preghiera: se nella preghiera entra lo Spirito e ci fa capire quello che Dio vuole, dopo, comincia un rapporto nuovo con Dio, un’attenzione a fare la sua volontà ad ogni passo, a non offenderlo. Questa è la vera vita di preghiera.
4. Bisogna pregare con la penna in mano; scrivendo,si riflette di più.
5. Occorre leggere la parola di Dio, sottolineare e meditare. Cosa direste di un marinaio lontano che scrive ogni mattina alla moglie e questa non legge perché troppo indaffarata? Così Dio parla a noi e noi non leggiamo quello che dice, perché abbiamo troppo da fare. Non possiamo captare i messaggi di Dio perché non gli diamo il tempo.

Tratti da una delle catechesi di Padre Gasparino

Leggi di più:  Preghiera di una mamma a Maria