Il Battesimo sconfigge la resistenza di Satana

pixabay

La natura del peccato non è cambiata anche se ha perso la violenza. Abbiamo ricevuto il potere di combattere.

Il giorno del battesimo ogni cristiano ha rinunciato a Satana, infatti nelle acque battesimali siamo stati liberati dalla schiavitù del demonio.

I riti del sacramento dell’iniziazione in antichità si amministravano agli adulti e le cerimonie del catecumenato, l’imposizione del segno della Croce ecc, erano centrati intorno al tema della liberazione dal maligno.

Il momento più emozionante del rito era la rinuncia a Satana (anche oggi lo è ancora).

All’epoca il catecumeno adulto prima di immergersi nelle acque doveva pronunciare la sua rinuncia al maligno e il battezzato doveva stare con i piedi rivolti verso occidente proprio perché come ricorda san Cirillo da GerusalemmeIn questo mondo, girandovi simbolicamente verso Occidente, rinunciate a questo principe tenebroso ed oscuro”.

Il Battesimo ci libera dal demonio

Con il santo Battesimo il cristiano rompe con il diavolo, ma nonostante la liberazione del genere umano dal maligno da parte di Gesù e nonostante la solenne rinuncia che ogni cristiano pronuncia il giorno del Battesimo, non impedisce al demonio di continuare a fare guerra contro Dio e contro gli uomini.

Un testo di un’antica liturgia spiega esattamente quanto sopra citato: “La grazia ha già invaso l’uomo, però il demonio non è ancora confinato nell’inferno. Il peccato ha perso la violenza, ma la sua natura non è cambiata. Abbiamo ricevuto il potere di combattere, però tuttora non la facoltà di essere sicuri nell’ozio. L’avversario è stato spogliato, ma non annientato. È inevitabile che diventi furioso contro quelli che dominava come sudditi, ma che ora ha perso”

Come per Adamo, ogni cristiano è soggetto alle tentazioni del diavolo, e dietro ad ogni albero dell’amore di Cristo si nasconde l’antico serpente, l’ingannatore, per cui su questa terra il combattimento sarà continuo contro il nemico delle anime che di certo non lascia gli uomini indisturbati.

Preghiera in ricordo del battesimo

Leggi di più:  San Francesco e Santa Chiara legati da un’amicizia e un amore spirituale

O Dio, Padre buono,

voglio ringraziarti con tutto il cuore per il dono del santo Battesimo, per mezzo del quale sono divenuto tuo figlio e tempio vivo dello Spirito Santo.

Ti ringrazio perché, con l’acqua battesimale, mi hai fatto risorgere con Cristo e hai riempito la mia anima dello splendore della tua grazia.

Voglio rinnovare in questo momento le mie promesse battesimali, con cui mi sono impegnato a vivere nella santità dei figli di Dio.

Conserva in me la fede, la speranza e la carità, e concedimi di essere fedele alla tua legge per tutta la vita.

Amen.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna